Eroina, consumi in aumento tra i giovani: la conferma arriva dalla Corte d'appello

Negli ultimi dodici mesi il 40% dei processi penali riguarderebbe l'eroina. Cinque anni fa, il dato si assestava al 10%. La tendenza è quella di fumare "ero" come sostituto della "maria"

Un database che conferma come l'eroina stia prepotentemente, e pericolosamente, tornando di moda tra le nuove generazioni. Come riporta il Gazzettino, negli ultimi cinque anni, la Corte d'appello di Venezia ha infatti cominciato a portare alla luce tutti i processi per droga, per effettuare delle statistiche sui procedimenti penali e i propri esiti. Il dato che emerge è allarmante: se fino a 5 anni fa, infatti, l'80% dei procedimenti era legato alla cocaina, nell'ultimo anno la tendenza è cambiata, e di molto. La cocaina è infatti scesa al 40%, alla pari dell'eroina, fino a qualche anno prima ferma al 10%. Una crescita esponenziale, il tutto in un solo anno.

Ciò che emerge dalle statistiche è che l'eroina non viene più assunta "in vena", bensì viene fumata, utilizzata come sostituto della marijuana, molto diffusa tra i giovani, ma per la quale le forze dell'ordine chiudono un occhio. Quella di fumare "ero" è diventata a tutti gli effetti una pratica comunitaria, non più individuale come negli anni passati, alla pari della marijuana. Con i dovuti distinguo: l'eroina dà una forte dipendenza, e i suoi effetti sono devastanti. Con i ragazzini, o per lo meno la maggior parte di loro, che sembrano non avvedersi del problema.

Il report della Corte d'appello mette in luce anche le disparità sulle pene all'interno del Veneto. Si può essere condannati, infatti, "a 6 anni per 120 chili di hashish oppure a 7 anni e 6 mesi per la stessa sostanza stupefacente". Questo per fare un solo esempio isolato. Per evitare simili circostanze, la Corte ha cominciato a proporre dei criteri che potrebbero qualificare i fatti di lieve entità quando il principio attivo della sostanza sequestrata è sotto i 10 grammi, di grave entità, invece, quando il principio è superiore a tale soglia. Il tutto senza togliere il potere decisionale al singolo giudice di turno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento