menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In aumento i "nuovi nati": nel 2015, 658 parti a San Donà di Piave

L'anno appena concluso è stato molto importante per il reparto di ostetricia e ginecologia, dotato di nuovi macchinari per ecografia in 3D e 4D

Un 2015 all'insegna delle nascite a San Donà di Piave. Il numero dei parti è infatti incrementato del 10,4% rispetto all'anno precedente, raggiungendo quota 658.

Molto positivo il dato riguardante le donne che hanno scelto di donare il sangue del cordone ombelicale, raddoppiato rispetto al 2014. "Siamo ritornati ai numeri del 2012 - spiega il primario di ostetricia e ginecologia, Antonino Di Lazzaro - Il trend, in controtendenza rispetto a quello nazionale, è stato in crescita durante tutto il 2015 e su questo ha impattato in modo minimale la temporanea chiusura del punto nascite di Portogruaro. Il buon risultato - ha continuato - evidenzia che la popolazione ha fiducia in questo reparto, perché funziona bene, perché ha personale preparato e attento nel soddisfare le esigenze delle partorienti, perché è fornito di ottime tecnologie e, in caso di problemi, si avvale della unità di Patologia Neonatale che permette ricoveri di neonati dalle 32 settimane, garantendo quindi un elevato grado di sicurezza per la partoriente e per il neonato".

L'anno appena trascorso ha segnato anche un importante progresso tecnico. Nel 2015 l’ostetricia e ginecologia di San Donà è stata infatti dotata di due ecografi di ultima generazione, in grado di rilevare immagini in 3D e 4D, e di un nuovo lettino per la sala parto che in pochi minuti può diventare lettino da sala operatoria per i cesarei urgenti.

Non sono mancate le parole d'elogio del direttore generale dell'Ulss 10, Carlo Bramezza: "Oltre alla presenza di personale qualificato e della neonatologia che offre ulteriore sicurezza alle neomamme - ha sottolineato - l’azienda ha investito molto anche in tecnologia e finalmente ora si inizia a raccoglierne i frutti. Sarà così anche per il punto nascite di Portogruaro che verrà riaperto non appena ripristinato il personale, ad iniziare dal nuovo primario: condizione indispensabile per garantire la massima sicurezza alle donne e ai i neonati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento