Ancora vandalismi sugli autovelox, chi lotta per la sicurezza stradale: "Siete dei codardi"

Si allunga l'elenco di danneggiamenti a San Donà. Nella notte tra mercoledì e giovedì imbrattato l'ennesimo Trubox, stavolta in via Argine Sinistro: "Qui una trentina di schianti"

Foto d'archivio

"Sono degli emeriti codardi che non hanno capacità di parlare ma solo di danneggiare". Non le manda a dire Paolo Ferrazzo, tra i promotori di una petizione per la segnalazione dei pericoli legati alla sicurezza stradale lungo via Argine San Marco. Strada dove sono avvenuti 30 incidenti negli ultimi anni, quasi tutti causati dalla velocità nonostante viga il limite a 50 chilometri orari, e dove nella notte tra mercoledì e giovedì è stato nuovamente imbrattato un trubox. «Come cittadini abbiamo cercato di contribuire alla sicurezza della nostra zona, denunciando l’uso improprio di una stradina di campagna che, dalla tranquillità invernale, diventa una specie di tangenziale d’estate, con auto che sfrecciano ad oltre 100 orari verso il mare – aggiunge Ferrazzo – Ritengo che solo degli imbecilli possano scambiare uno strumento deterrente, in funzione della sicurezza, per un sopruso».

Personale del Comune ha già ripulito il metallo dalle scritte e lo strumento verrà nuovamente posizionato nei prossimi giorni. «La campagna mediatica contro i trubox ha dato la stura a un vandalismo vergognoso – dichiara il sindaco Andrea Cereser – In molti dovrebbero fare una riflessione anche a fronte della spesa che le casse comunali, quindi la collettività, si trovano a sostenere per questo atteggiamento ormai squallido».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Peraltro in quel punto c’era già un vecchio trubox, sostituito di recente da un nuovo contenitore. «Per anni il vecchio apparecchio non ha subito alcun vandalismo e ora il nuovo viene danneggiato – osserva l’assessore alla mobilità Lorena Marin – Segno che questi gesti sono conseguenza diretta delle strumentalizzazioni politiche messe in atto su una vicenda di ordinaria amministrazione quale può essere la posa di alcuni evidenti strumenti per la sicurezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento