Azione animalista contro il circo a San Donà di Piave

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

"No al circo con gli Animali". Questo è uno degli slogan, che i militanti de 'La Foresta che Avanza', hanno lanciato sabato sera nei pressi del centro commerciale "Centro Piave" a San Donà, dove l'amministrazione comunale ha concesso fino all'11 febbraio l'autorizzazione al Circo di Praga di sistemare il suo tendone.

Con uno striscione, e un volantinaggio, circa una ventina di ragazzi hanno espresso il proprio dissenso nei confronti dell'utilizzo degli animali all'interno dei circhi. A dichiararlo è Manuel Nardo, responsabile regionale dell'associazione ambientalista nata in seno a CasaPound Italia.

"Troviamo ingiusto - afferma Nardo - che un animale conduca la propria esistenza all'interno di una gabbia in condizioni inacettabili, solo per il divertimento di poche persone. L'esperienza del Medrano a Padova è una cosa vista e rivista che ci troviamo di fronte a ogni manifestazione di questo tipo, chiediamo che si metta la parola fine a queste inutili sofferenze. Invitiamo - continua - il sindaco Zaccariotto e le amministrazioni locali a emanare un ordinanza comunale che vieti l'arrivo in città di questo genere di spettacoli, come è già stato fatto in altre città d'Italia. Quello che ci preme - conclude Nardo - è che i contributi statali vengano concessi esclusivamente ai circhi che non sfruttino animali. A livello locale chiediamo che le amministrazioni comunali siano sensibili a tale problematica impedendo nei loro comuni la sosta di questi carrozzoni della sofferenza e portando in Provincia la problematica".

Torna su
VeneziaToday è in caricamento