menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I genitori della bimba si sono rivolti ad Adico

I genitori della bimba si sono rivolti ad Adico

Bimba cade dallo scivolo e si ferisce alla palpebra, chiesto risarcimento danni

E' successo al FaceFood Festival di Marghera. I gestori: "Dispiaciuti, chiuderemo l'area bimbi finché non si capirà il problema". Adico: "Quella zona non è messa in sicurezza"

Cade dallo scivolo e finisce contro un bordo tagliente alla base della staccionata che delimita l'area bimbi del FaceFood Festival di Marghera. Per questo motivo i genitori di una bimba mestrina di 2 anni e mezzo hanno deciso di rivolgersi ad Adico, associazione a difesa dei consumatori, per chiedere un risarcimento danni. La piccola è stata portata al pronto soccorso e ne è uscita con alcuni punti di sutura in corrispondenza della palpebra. 

Informati dell'accaduto, i gestori del FaceFood Festival si sono detti dispiaciuti per l'accaduto, anche se tutta l'area del festival, in zona Panorama, secondo loro avrebbe superato tutti i sopralluoghi. Tutto a norma, dunque. In ogni caso l'area bimbi dove si è ferita la bimba sarà chiusa per permettere un nuovo sopralluogo di un perito, per stabilire se effettivamente ci siano problemi di sicurezza.

La vicenda pochi giorni fa. L'incidente, secondo Adico, avrebbe costretto i genitori a una rapida corsa al pronto soccorso dell’Angelo, dove alla piccola sono stati applicati diversi punti di sutura proprio sulla palpebra. "Quell’area giochi non è messa in sicurezza e in particolare lo scivolo presenta molti elementi che non garantiscono l’incolumità dei bambini - dichiara Adico in una nota - non è fissato a terra ed è a pochi centimetri di distanza da una staccionata che, alla base, è costituita da bordi taglienti. Infatti è finita con la testa proprio contro un bordo tagliente la bimba di due anni e mezzo dopo essere caduta dalla scaletta mentre stava salendo sullo scivolo seguita dalla mamma". 

“Quando abbiamo visto la ferita – racconta il padre dalla piccola, D.M., 48 anni, ispettore Arpav esperto di sicurezza sul lavoro e nei luoghi di pubblico spettacolo – io e mia moglie eravamo sconvolti mentre nostra figlia piangeva disperata. Siamo corsi al pronto soccorso e lì le hanno applicato alcuni punti sulla palpebra. Vista la ferita ci siamo resi conto che la bimba ha rischiato di perdere l’occhio”. 

"Contesteremo in particolare la posizione errata dello scivolo - dichiara il presidente di Adico, Carlo Garofolini - E' troppo vicino alla staccionata. Poi le basi della staccionata sono con bordi taglienti e lo scivolo stesso non è fissato al terreno. Invitiamo da subito gli organizzatori a mettere in sicurezza l’intera area giochi”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

  • Mestre

    "Il Mummia" torna a Mestre e finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento