rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Malori dopo la gita in montagna, si scopre che è un virus: grave una bambina

Risiede in un paese della Riviera del Brenta. Ricoverata in Pediatria a Padova in seguito al campo scuola a cui aveva partecipato a fine luglio. Nessun altro caso registrato

Una spensierata uscita sui monti si è trasformata in dramma per una bambina che risiede con la famiglia e frequenta la scuola elementare in un paese della Riviera del Brenta. Alla piccola, nelle scorse settimane, è stata riscontrata l'infezione di un virus: pare si tratti, come riporta Il Gazzettino, del batterio escherichia coli, un germe che si sviluppa nell'intestino. Ne esistono di vari ceppi, alcuni dei quali sono innocui. In questo caso, però, è un sierotipo pericoloso, causa di patologie gravi.

Non è chiaro in che modo la bimba sia stata infettata. Ciò che è certo è che i malori sono iniziati al ritorno da un campo scuola di una settimana organizzato dalla parrocchia del paese. La vacanza risale alla fine di luglio e si è svolta in una località del Trentino, dove i ragazzini hanno partecipato tra l'altro ad escursioni tra le montagne e i pascoli della zona. Nessun problema è stato registrato durante la villeggiatura e, alla fine del campo, i piccoli sono tornati a casa apparentemente in buona salute.

I malesseri sono cominciati nelle ore successive: inizialmente i genitori non ci hanno dato troppo peso, ma, visto che la situazione non migliorava, hanno deciso di portare la piccola al pronto soccorso di Dolo per una visita. Anche qui, in un primo momento, non le era stato riscontrato nulla di grave. Le condizioni però sono peggiorate e quindi si è deciso di trasferire la bambina in Pediatria a Padova. Eseguiti esami più accurati esami, è emersa la presenza del virus. Nessun altro caso sarebbe stato rilevato tra gli altri bambini che hanno passato la vacanza con lei.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malori dopo la gita in montagna, si scopre che è un virus: grave una bambina

VeneziaToday è in caricamento