rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Castello / Campo Santi Giovanni e Paolo

Neonata nasce invalida totale al Civile, ginecologi a giudizio

Il pubblico ministero chiede quattro mesi di reclusione per un medico e tre per una collega. Nel mirino quattro manovre prima del parto

Le richieste del pubblico ministero sono pesanti. Quattro mesi di reclusione per un ginecologo e tre per una collega in servizio all'ospedale Civile di Venezia. Il giudice si esprimerà, come riporta La Nuova Venezia, nell'udienza del 22 aprile prossimo, dopo aver ascoltato le eventuali repliche della difesa. I due medici sono imputati di gravi lesioni colpose dopo il parto di una neonata poi rimasta invalida al cento per cento.

Secondo l'accusa, che si basa su una perizia firmata da due esperti chiamati dal giudice in udienza, mette nel mirino quattro manovre che non sarebbero state opportune durante il cesareo. Ciò avrebbe portato a una situazione di sofferenza del feto. I periti nominati dal giudice nella loro relazione avrebbero anche segnalato la mancanza di registrazione della frequenza cardiaca fetale per 38 minuti.

I genitori e i nonni della piccola si sono costituiti parte civile. I loro avvocati, oltre alla condanna, hanno chiesto un risarcimento di 700mila euro per la madre, di 650mila euro per il padre e di 500mila euro per i nonni. Imputata anche una ostetrica, su cui i periti però fanno ricadere minori responsabilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neonata nasce invalida totale al Civile, ginecologi a giudizio

VeneziaToday è in caricamento