menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Baby-bulli sullo scuolabus: bimbi delle elementari picchiano il loro compagno

L'episodio nei giorni scorsi: protagonisti ragazzini tra 7 e 11 anni. Il più grande è finito nel mirino del gruppetto ed è stato aggredito. I suoi genitori sono andati dai carabinieri

I ragazzini si coalizzano contro un altro giovanissimo passeggero e lo picchiano, tra calci e altri colpi proibiti. Tutti contro uno. Nuovo episodio di bullismo in provincia, dopo i numerosi casi che hanno coinvolto minorenni e forze dell'ordine negli ultimi mesi. Solo che stavolta c'è un particolare: se in precedenza erano rari gli esempi in cui i protagonisti delle vicende contestate non erano imputabili perchè di età inferiore ai 14 anni, in questo caso tutti i violenti sono lontanissimi da tale soglia. Avrebbero infatti un'età compresa tra i 7 e gli 11 anni. Non di più. 

Tutto accade mentre dei giovanissimi scolari, poco più che bambini, si trovano a bordo di uno scuolabus in servizio tra Chioggia e la Riviera del Brenta. A un certo punto, per futili motivi, gli animi si incendiano. Volano parole grosse, per quanto possano esserlo già a quell'età. I ragazzini si coalizzano, come accade spesso nelle dinamiche di gruppo. Nel mirino finisce un 11enne, il più grande. Scatta l'aggressione (di cui si sarebbero resi protagonisti almeno tre ragazzini che frequentano ancora le elementari) e sul pullmino scatta il finimondo. Nonostante ciò lo scuolabus continua la sua corsa, riportando a casa i piccoli studenti, forse poco consapevoli della gravità del loro comportamento. 

La vittima dei "baby-bulli", però, mostra i segni di quanto subito ai genitori, che decidono di andare fino in fondo e di sporgere denuncia ai carabinieri. Per questo motivo si sono presentati in caserma con il figlio, inducendolo a raccontare quanto gli era capitato a bordo dello scuolabus. Si tratta di un episodio che non potrà avere strascichi giudiziari, visto che per essere imputati di qualche reato si deve avere almeno 14 anni, ma che in ogni caso ha destato preoccupazione tra i residenti. Denotando, se ce ne fosse ancora bisogno, come comportamenti violenti da parte di minorenni continuino a interessare le cronache. Solo che stavolta con il bullismo si è iniziato veramente troppo presto, praticamente da bambini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Attualità

Federica Pellegrini stasera al Festival di Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento