menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giocano nel parcheggio attiguo all'ex ospedale e trovano due siringhe sul terreno

A fare la scoperta due fratellini, che fortunatamente non hanno riportato alcun graffio o puntura. L'area nelle vicinanze dell'ex Umberto I è stata transennata in attesa di bonifica

Stavano giocando nel parcheggio dell'ex Umberto I, quando hanno ritrovato delle siringhe. Come riporta il Gazzettino, due bambini hanno portato il loro "ritrovamento" alla madre, che subito, presa da una comprensibile agitazione, le ha strappate di mano ai figli, chiamando la polizia.

Gli agenti delle volanti giunti sul posto hanno accertato che fortunatamente i due fratellini non si erano punti né tantomeno graffiati, e dopo aver tranquilizzato la donna, hanno proceduto a contattare Veritas, perché si incaricasse di procedere con la bonifica della zona. Le operazioni di recupero, però, non sono state possibili nel fine settimana, poiché gli addetti non erano operativi. Per questa ragione l'intera zona è stata messa in sicurezza con transenne che delimitassero i confini a rischio. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia dei vigili urbani, informati dei fatti.

Si tratta di un episodio che conferma ancora una volta come la zona attigua all'ex ospedale di Mestre sia diventata, nel corso degli ultimi mesi, un luogo di ritrovo non soltanto per gli spacciatori, ma anche per i tossicodipendenti. Sono infatti molto numerose le segnalazioni di siringhe abbandonate in terra, specie nelle zone confinanti con il fiume Marzenego.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'Rt in Veneto sale a 0,91, le richieste di Zaia oggi al Governo

  • Cronaca

    Altino, le indagini di Ca' Foscari svelano un porto

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento