menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preoccupazione al museo: bambino perde l'equilibrio e ruzzola per un piano di scale

L'incidente nella tarda mattinata di domenica al Museo di Storia Naturale. Il piccolo, di 3 anni, all'inizio avrebbe perso conoscenza. Sul posto sono intervenuti i sanitari e la polizia

Cade dalle scale e ruzzola per cinque metri sui gradini. Grande preoccupazione nella tarda mattinata di domenica al museo di Storia naturale di Venezia, nel fondaco dei Turchi, per le condizioni di un bimbo di 3 anni che a un certo punto, per cause al vaglio delle forze dell'ordine, ha perso l'equilibrio e ha riportato diversi traumi. Secondo testimoni, all'inizio il piccolo avrebbe perso conoscenza. Per la disperazione dei genitori, una coppia di turisti italiani provenienti da fuori città.

La madre ha subito preso in braccio il bimbo e ha raggiunto il personale del museo, chiedendo aiuto. Sul posto è intervenuta il prima possibile una idroambulanza, il cui equipaggio sanitario ha trasportato il ferito in ospedale. Vista la dinamica dell'accaduto, si è optato per un trasferimento all'Angelo di Mestre, dove il piccolo è stato sottoposto ad accertamenti. Dopo i primi interminabili minuti, in cui il bambino avrebbe perso i sensi, si sarebbe infatti ripreso. In preda ai dolori, avrebbe iniziato a piangere.

Le sue condizioni andranno monitorate passo passo dai medici del reparto di Pediatria, anche se l'allarme iniziale sembra per fortuna essere scemato. Serve però scongiurare la possibilità di emorragie interne. L'incidente mentre il piccolo si trovava ai piani superiori della struttura. Sul posto per far luce sulla dinamica dell'accaduto è intervenuta la polizia, che ha ascoltato quanti hanno assistito alla scena e ai momenti immediatamente successivi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento