menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il bimbo investito resta in terapia intensiva: "In lieve miglioramento"

Dopo l'operazione i medici sono cauti, ma ci sarebbero segnali positivi. Il piccolo di 4 anni era stato schiacciato da un'auto, alla guida il cugino di 10

Resta ricoverato nel reparto di terapia intensiva della Rianimazione pediatrica di Padova il piccolo di 4 anni di San Donà travolto da un'auto domenica mattina: i medici confermano comunque che il bambino non è più in prognosi riservata e non è in pericolo di vita. E' stato operato e sarebbe in lieve miglioramento. Nelle prossime ore si avranno maggiori dettagli sul suo stato di salute, nella speranza che le notizie che usciranno dal nosocomio siano di conforto alla famiglia.

Della vicenda che ha portato il bambino in ospedale, intanto, si stanno occupando i carabinieri. L'ipotesi al momento più probabile è che l'incidente sia il risultato di una tragica fatalità: il piccolo, infatti, sarebbe stato investito dall'auto nel cortile di casa mentre al volante si trovava il cugino più grande, di dieci anni. Quest'ultimo avrebbe preso le chiavi nel momento in cui vicino a lui non si trovava nessuno (i genitori erano corsi al pronto soccorso per un incidente domestico capitato a un altro fratello). Quindi avrebbe messo in moto l'auto.

Il bambino è stato portato all'ospedale di San Donà in gravi condizioni, accompagnato dai genitori senza aspettare l'arrivo dell'ambulanza. Sul corpo dei traumi da schiacciamento a livello toracico e addominale. Visto il quadro clinico, poco dopo i medici hanno chiesto l'intervento dell'elicottero del 118 per un trasferimento d'urgenza all'ospedale di Padova. I militari dell'Arma stanno tentando di far luce sulla vicenda, soprattutto per stabilire se possano esserci gli estremi per qualche denuncia. Visto che i piccoli al momento dell'incidente non si sarebbero trovati sotto il controllo di nessuno. Ma si sarebbe comunque trattata di una situazione d'emergenza, e come tale difficilmente gestibile dai genitori e dai parenti del piccolo ricoverato nel nosocomio euganeo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento