menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il bancomat di Mirano saltato

Il bancomat di Mirano saltato

In azione la banda dei bancomat: un boato a Mirano, blitz a Marcon?

I delinquenti hanno messo nel mirino il Banco di Santo Stefano di via Barche. Forse sono gli stessi dei recenti raid "col botto" notturni

Continuano a imperversare in tutta la provincia, con l'unico dettaglio che stavolta hanno deciso di entrare in azione nella notte tra domenica e lunedì e non a inizio weekend. Come invece di solito pianificano di fare. Ennesimo colpo col botto in pieno centro a Mirano: i banditi hanno fatto saltare il bancomat del Banco di Santo Stefano di via Barche, a due passi da piazza Martiri della Libertà. Purtroppo per loro, però, la deflagrazione non ha permesso di intaccare le cassette di sicurezza dove sono custoditi i contanti. In compenso ha causato danni pesanti alla struttura: lo sportello automatico è stato completamente distrutto dall'esplosione, mentre i segni dell'accaduto erano ben visibili anche nel porticato antistante. Vetri in frantumi e danni all'intonaco. 

I criminali sono entrati in azione verso le 3 di domenica, quando tutt'attorno non c'era nessuno. I carabinieri stanno vagliando la possibilità di eventuali testimoni, per individuare elementi utili alle indagini. Al setaccio anche le telecamere della banca. E' possibile infatti che si tratti della stessa banda che aveva fatto esplodere per due volte (la prima volta non riuscirono a mettere le mani sui soldi, la seconda sì) alla vicina filiale del Banco di San Marco. 

Potrebbero infatti essere fuggiti sempre con la stessa auto di grossa cilindrata e si sta lavorando per stabilire punti di contatto con i precedenti raid. Tanto più che in provincia si sarebbe registrato anche un altro tentato assalto a un bancomat: poco prima i banditi avrebbero anche messo nel loro mirino lo sportello della filiale Volksbank di Marcon. In questo caso, però, le forze dell'ordine o di vigilanza sarebbero arrivate prima. O meglio: verso le 2.30 sarebbero state segnalate le porte dell'istituto di credito aperte. E' possibile  che fosse in preparazione un blitz, ma i delinquenti sarebbero quindi stati disturbati. Testimoni avrebbero visto un'auto scura allontanarsi dal luogo delle "operazioni". Viene logico ipotizzare che si tratti della stessa batteria di delinquenti che, una volta rimasta a mani vuote al termine del primo obiettivo, avrebbe ripiegato sullo sportello del centro di Mirano. Sul posto in via Barche oltre ai carabinieri anche una pattuglia della vigilanza Axitea. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'Rt in Veneto sale a 0,91, le richieste di Zaia oggi al Governo

  • Cronaca

    Altino, le indagini di Ca' Foscari svelano un porto

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento