Cronaca Via Moglianese

Bancomat ancora nel mirino dei ladri, il "nuovo botto" a Peseggia

Delinquenti in azione alle 5.30 di giovedì alla filiale del Banco di Santo Stefano. Nonostante lo scoppio, però, sono scappati a mani vuote

Dopo l'assalto al bancomat delle Poste di Zianigo di Mirano e dopo quello tentato poco prima a Santa Maria di Sala durante la scorsa settimana, gli sportelli automatici continuano a essere nel mirino dei ladri. Stavolta a costituire l'obiettivo di turno di una banda di delinquenti è stato lo sportello automatico del Banco di Santo Stefano di Peseggia di Scorzè, in via Moglianese 282.

Verso le 5.30 della mattina di giovedì, infatti, i malviventi sono entrati in azione. Per causare la deflagrazione non avrebbero utilizzato la classica "miccia". Avrebbero infatti lasciato a terra una striscia di benzina per poi darle fuoco. Fino ad arrivare al bancomat, non è chiaro se con nella bocchetta dell'esplosivo o saturato da gas acetilene. Fatto sta che la deflagrazione è stata molto potente, svegliando i residenti del circondario.

Sul posto, dopo la segnalazione d'allarme scattata dal sistema di sicurezza, sono subito intervenuti i carabinieri della stazione locale e quelli del nucleo operativo di Mestre. Dei delinquenti, però, nessuna traccia. In compenso dietro di sé i furfanti hanno lasciato danni interni alla struttura di alcune decine di migliaia di euro. Nonostante ciò, il bottino è stato nullo. Le cassette corazzate con all'interno i soldi, infatti, hanno resistito alla detonazione. Lasciando a mani vuote i predoni, che hanno utilizzato un modus operandi leggermente diverso rispetto ai precedenti colpi registrati nel Miranese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancomat ancora nel mirino dei ladri, il "nuovo botto" a Peseggia

VeneziaToday è in caricamento