menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colpo col botto a Mira, i banditi fanno saltare in aria il bancomat

La deflagrazione nella notte tra mercoledì e giovedì in via Nazionale. I delinquenti per fuggire avrebbero poi lasciato parte del bottino

La deflagrazione stavolta è stata molto potente, causando pesanti danni alla struttura. Non solo, i pezzi di ferro sono partiti in ogni direzione come proiettili, colpendo i muri dei palazzi vicini. Ennesimo colpo col botto nella zona tra il Miranese e la Riviera del Brenta: alcuni banditi, infatti, sono entrati in azione verso le 3.30 della notte tra mercoledì e giovedì nella centrale via Nazionale a Mira, mettendo nel proprio mirino la filiale della Banca Popolare di Vicenza.

Lo scoppio ha svegliato di soprassalto alcuni residenti, mentre lo sportello automatico è stato "sparato" distante metri dal punto dell'esplosione. Ai malintenzionati, che per ottenere la scintilla "fatale" hanno utilizzato la classica scintiilla ottenuta con del gas acetilene e una batteria d'auto, non è rimasto altro che raccogliere i soldi e fuggire con il bottino, al termine di un colpo durato pochi minuti. Sul posto in breve tempo i carabinieri e una pattuglia di vigilanza Axitea, il cui operatore avrebbe visto i banditi allontanarsi.

Le forze dell'ordine hanno anche tentato un inseguimento nei confronti dei fuggitivi, che alla fine hanno lasciato tutto o parte del bottino a terra. Evidentemente con l'intento di non venire incastrati con il contante in mano. Del resto i carabinieri, che si sono messi alle calcagna dei criminali fino a Oriago per poi perderli di vista, avevano a disposizione alcuni dettagli sull'auto utilizzata per perpetrare il colpo, di colore scuro, quindi durante la notte sarebbe stato troppo pericoloso per i criminali farsi sorprendere con le mani in pasta. I delinquenti hanno fatto appena in tempo a raggiungere il mezzo su cui si trovava al volante il loro complice, che poi ha ingranato la marcia e pigiato il piede sull'acceleratore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento