menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le bandiere Cisl rimosse, fonte sindacato Femca Cisl Venezia

Le bandiere Cisl rimosse, fonte sindacato Femca Cisl Venezia

Quelle bandiere tolte ogni mattina, sdegno e preoccupazione

Gli stendardi della sigla sindacale Femca Cisl trovati a terra ripetutamente da giorni dai lavoratori della 3V Sigma di Malcontenta, sede dello scoppio dell'incendio il 15 maggio scorso

Da una settimana circa, ogni mattina, le bandiere della Cisl poste alla 3V Sigma, l'azienda di Malcontenta sede del grave incendio scoppiato il 15 maggio scorso, vengono rimosse e ritrovate a terra. «Atti ignobili di ignoti, non sappiamo chi possa compiere questi gesti», riferisce rammaricato il segretario della sigla Femca Cisl di Venezia Francesco Coco.

Simbolo di dignità

Quelle bandiere le abbiamo messe noi il giorno dopo l'esplosione in segno di solidarietà e vicinanza da parte della Cisl. Sono il simbolo dei sacrifici dei lavoratori, il simbolo di un sindacato che si batte per i diritti e la dignità della classe operaia - spiega -. Riteniamo questi ignobili gesti segno di inciviltà e ignoranza, non ci sono parole per definire quanto triste possa essere un gesto simile. Ricordiamoci che in questo stabilimento due persone sono rimaste gravemente ferite - il cittadino indiano Pramod e il rumeno Alin che, conferma Coco, stanno meglio -  La Cisl è loro vicina», aggiunge. A segnalare le bandiere a terra i lavoratori, che continuano a rimetterle a loro posto, racconta il sindacalista. «Non si riesce a capire il fastidio che possono dare, un gesto che sta creando rabbia e sconforto alla 3V Sigma». Per ora Femca Cisl ha detto di non aver presentato denuncia ma di voler condannare il fatto nella speranza di capire se si possa individuare la responsabilità di qualcuno in questa vicenda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento