menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Biglietto obbligatorio per entrare in Basilica dal 2018, 2 euro per saltare la fila

Novità comunicata dal primo procuratore di San Marco Tesserin. Tutti dovranno munirsi di ticket, gratis per chi si metterà in coda come oggi. Aumenti per l'ingresso al campanile

Basilica di San Marco, si entrerà con un biglietto d'ingresso. Gratuito per chi farà la fila, a pagamento per chi deciderà di acquistarlo online (o direttamente in Piazza), per saltare la coda ed evitare le lunghe ore di attesa per entrare. Come riporta la Nuova, a comunicare la novità è stato il primo procuratore di San Marco Carlo Alberto Tesserin.

Biglietti saltacoda

Molte delle chiese europee prevedono un ingresso a pagamento, per lo meno le più importanti, ma fino ad ora non era stato istituito nessun ticket in laguna, per ragioni di carattere strettamente religioso: il consiglio episcopale, infatti, afferma che l'ingresso alle chiese deve essere gratuito, perché luoghi destinati alle preghiere dei fedeli. Per poter garantire l'introduzione dei biglietti saltacoda, però, si è trovato un punto d'accordo. La novità sarà introdotta progressivamente entro la fine del 2018.

Una delle aree più visitate d'Italia

L'area di San Marco è la seconda più visitata d'Italia dopo quella del Colosseo a Roma, ogni giorno sono registrate tra le 10 e le 15mila presenze, quindi una regolamentazione dei flussi in entrata alla Basilica si rende necessaria. Ora bisognerà attendere la sistematizzazione delle prenotazioni, con i turisti che potranno decidere la fascia oraria in cui accedere alla Basilica, per incastrare le visite ai luoghi d'interesse principali in città. Allo stesso tempo saranno previsti aumenti intorno ai 2 euro per l'ingresso al campanile di San Marco, al Tesoro marciano e alla Pala d'Oro, che attualmente prevedono un biglietto cumulativo del valore di 5 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento