menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bebe Vio si emoziona: "Ho stretto la mano a Obama, per la prima volta ero senza parole"

La campionessa era a Washington con una delegazione di eccellenze italiane per l'ultima cena di stato del presidente americano: "Non ho avuto il coraggio di chiedere un selfie"

Due "giganti" faccia a faccia, da una parte la campionessa paralimpica nominata veneziana dell'anno, dall'altra il presidente degli Stati Uniti. Un incontro che ha suscitato emozioni, soprattutto per Beatrice "Bebe" Vio: "Questa mattina - ha scritto, pubblicando una foto su Instagram - nei giardini della Casa Bianca abbiamo assistito alla cerimonia di apertura di questo splendido evento di stasera! Ho stretto la mano al presidente Obama e vi giuro che per la prima volta non sapevo cosa dire e non ho avuto neanche il coraggio di chiedere un selfie... io che rimango senza parole, mai successo!".

Insieme a Bebe, che è stata scelta per accompagnare il premier Matteo Renzi, c'erano Roberto Benigni e altre tre donne simbolo dell'eccellenza italiana: la presidente del Cern Fabiola Gianotti, la sindaca di Lampedusa Giusy Nicolini, e la curatrice del dipartimento design del Moma Paola Antonelli. Poche ore più tardi il selfie nel giardino della Casa Bianca, dopo aver stretto la mano al presidente Obama a margine della cerimonia ufficiale di benvenuto al premier italiano, Matteo Renzi. La sera, poi, la cena di gala.

Tra i quasi 400 ospiti del dinner state c'era anche il presidente della Fiat Chrysler automobiles, John Elkann, con la moglie Lavinia Borromeo. La lista degli ospiti spazia dallo spettacolo all'imprenditoria, dalla politica al mondo istituzionale e culturale. Accanto a Roberto Benigni e alla moglie Nicoletta Braschi, per cena, l'attore John Turturro con la consorte. Presente anche l'altro premio Oscar Paolo Sorrentino, ospite del premier italiano come Giorgio Armani, il presidente dell'Anac Raffaele Cantone, la direttrice del Moma Paola Antonelli, quella del Cern Fabiola Giannotti, la campionessa paralimpica Bebe Vio,il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini. Invitati da Renzi anche il commissario all'agenda digitale Diego Piacentini, il commissario di Bagnoli Salvo Nastasi e il consigliere Giuliano da Empoli. L'Italia è stata rappresentata anche dal ministro degli esteri Paolo Gentiloni, dall'ambasciatore italiano a Washington Armando Varricchio, mentre per l'amministrazione Obama c'erano molti ministri e consiglieri: tra loro il segretario al dipartimento di stato John Kerry, il capo del Pentagono Ash Carter, la consigliera per la sicurezza nazionale Susan Rice e il vicepresidente Joe Biden. Tra gli esponenti del Congresso Nancy Pelosi, di origini italiane.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento