Cronaca

Bergamo allontana le accuse: "Non ci sarà alcun taglio alle linee Actv"

L'assessore alla Viabilità smentisce le indiscrezioni su una diminuzione delle corse: "Al più ci saranno solo piccoli ritocchi delle tariffe"

La riduzione del servizio di navigazione Actv riportata dalla stampa locale e oggetto di un'interpellanza del consigliere comunale Sebastiano Bonzio non ci sarà. A garantirlo l'assessore comunale alla Mobilità e Trasporti, Ugo Bergamo. "Mi preme smentire – ha affermato - che l'accordo Actv per il nuovo contratto integrativo equivale a tagli dell'esercizio di navigazione: si tratta di due questioni totalmente separate, che non possono essere collegate. L'accordo sindacale che è stato siglato è un atto importante, un segno di grande maturità dei lavoratori, dell'azienda e del sistema città in generale. E' stato richiesto un sacrificio per il recupero della produttività che non ha eguali in Italia e va sottolineato il grande senso di responsabilità di sindacati e lavoratori nell'aver contribuito al risanamento dell'azienda”.

ACTV, ACCORDI INTEGRATIVI OK: "IL BILANCIO MIGLIORA"

La riduzione dei servizi è legata invece alla questione dei trasferimenti per il trasporto pubblico da parte della Regione Veneto. Bergamo ha infatti ricordato che, per quanto riguarda il solo settore della navigazione, si è passati da un corrispettivo regionale di 57 milioni di euro nel 2010 a 43 milioni 300mila nel 2013, che, per il 2014, potrebbe scendere ulteriormente a meno di 41 milioni. Questo significa una riduzione di 111mila ore di moto. “Si tratta – ha detto Bergamo – di scelte scellerate e immotivate del Consiglio Regionale, da noi impugnate davanti a tutti gli organi competenti, finché possibile, che hanno infierito in modo pesante sul settore. In queste condizioni per garantire un servizio adeguato alle esigenze della città si devono fare miracoli”.

SCIOPERO GENERALE, PIAZZALE ROMA PARALIZZATO

L'assessore ha allora spiegato che Comune e Actv hanno comunque previsto di provvedere a una mancata copertura pari a 100mila ore/moto, certi che almeno le rimanenti 11mila, pari a 1milione 200mila euro, verranno finanziate dalla Regione. Questo perché, ha riferito Bergamo, “vi è stata l'assicurazione, da parte dell'assessore Chisso (responsabile di Palazzo Balbi per i Trasporti, ndr), che in sede di assestamento di bilancio, avrebbe trovato i contributi necessari da dedicare alla navigazione. In caso contrario daremmo comunque gli strumenti ad Actv per mantenere le linee. Al massimo ci saranno solo piccoli ritocchi delle tariffe".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bergamo allontana le accuse: "Non ci sarà alcun taglio alle linee Actv"

VeneziaToday è in caricamento