Beve un bicchiere d'acqua al bar degli zii, rimane ustionato alla gola

Un 21enne di Caorle è finito all'ospedale per aver ingerito una sostanza caustica. L'acqua era stata versata da una bottiglietta già aperta

Beve un bicchiere d'acqua in un bar-pizzeria di via Branzin a Caorle. La cosa più semplice del mondo in apparenza. Invece in quella bottiglietta, il motivo per ora rimane un mistero, evidentemente c'era qualche sostanza caustica. Per questo motivo un giovane di 21 anni nella notte tra venerdì e sabato è finito al pronto soccorso per delle ustioni alla gola e all'esofago.

Dopo la paura iniziale, poi tutto si è ridimensionato. Il ragazzo, infatti, è stato dimesso con una prognosi di guarigione di cinque giorni. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Caorle, che hanno raccolto la testimonianza dei gestori del locale, che sarebbero gli zii del malcapitato. L'esercizio da qualche tempo è stato concesso in affitto dal proprietario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

D.S., del posto, una volta che ha ingurgitato il primo sorso ha subito avvertito che qualcosa non andava. Poi il dolore e il conseguente trasferimento in ospedale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

  • Bollettino serale, registrati tre decessi in provincia

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento