Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutti in sella: a due ruote attraverso la città per dire "stop" al degrado e alle droghe - VIDEO

 

Attraverso la città per dire "basta" agli spazi vuoti e lasciati all'abbandono, "contro il degrado e i tagli al welfare". Per questo tanti cittadini sabato pomeriggio hanno inforcato la propria "due ruote" e hanno attraversato la città. È la ped(al)ata al degrado organizzata dal Centro Sociale Rivolta, con partenza alle 15 da via Fratelli Bandiera: al centro dell'attenzione soprattutto le recenti morti per overdose avvenute in città e legate allo spaccio di eroina.

La tappa conclusiva è nella sede delle politiche di riduzione del danno (Drop in) comunale, un centro rivolto ai consumatori di stupefacenti. "Questo camper rappresenta un progetto innovativo ed efficace per arginare la diffusine dell'eroina - spiegano gli organizzatori - Stiamo assistendo ad un preoccupante ritorno di questa droga, e le risposte delle istituzioni sono insufficienti. La giunta Brugnaro sta tagliando i fondi al welfare, bisogna andare nel senso opposto. Questo camper dovrebbe tornare in strada, in mezzo ai giovani: è un servizio che può migliorare la vita nella nostra città".

In città i problemi ci sono e sono reali. "Esiste un degrado sociale e culturale di cui ogni giorno leggiamo i segni - hanno spiega - È quello rappresentato dagli spazi abbandonati, pubblici e privati, che sottratti ai cittadini e ad un uso pubblico diventano veri e propri buchi neri e che spesso, come nel caso dell'ex Cral Enichem di via Fratelli Bandiera, sono diventate vere e proprie centrali di spaccio dell'eroina". Dito puntato anche contro la politica sulla casa che sta portando avanti la giunta. "A fronte di un crescente disagio abitativo - spiegano - continuano ad esserci centinaia di alloggi pubblici lasciati sfitti ed abbandonati che potrebbero essere dati a chi ne ha bisogno".

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento