rotate-mobile
Cronaca Castello / Via Giuseppe Garibaldi

Rumori molesti dai padiglioni della Biennale, non c'è pace a Castello

L'opera sonora "Everything was forever, until it was no more" dell'artista Konrad Smolenski stava facendo impazzire gli abitanti del circondario

Negli anni i residenti di Castello ne hanno viste davvero di tutti i colori ai giardini di Sant'Elena, tra opere d'arte, polemiche e performance ai limiti dell'assurdo, ma questa volta la sopportazione dei cittadini si è esaurita. A scatenare le ire dei veneziani non sono state sculture invadenti o tele scandalose, quanto piuttosto la particolare performance sonora messa in piedi nel padiglione Polonia, che con i suoi rumorosi rintocchi e le sue inquietanti vibrazioni sta facendo impazzire tutto il circondario.

ARTE E DIPLOMAZIA – A togliere il sonno agli abitanti di Castello è l'opera “Everything was forever, until it was no more” dell’artista Konrad Smolenski, che, come si legge nella descrizione, sarebbe “una macchina sonora, evoca una reazione emotiva, un senso di inquietudine e di tensione”. Peccato che inquietudine e tensione ora le vivano anche i poveri cittadini veneziani. Per porre fine al fracasso è intervenuta la Biennale, la polizia municipale e l'assessorato all'Ambiente, ma il problema non è di facile soluzione: i padiglioni dell'Esposizione Internazionale, infatti, sono extraterritoriali e sono liberi di gestirsi come preferiscono, tanto che fino a martedì la risposta dei curatori polacchi è stato un secco diniego, anche davanti alle 120 firme raccolte in poche ore tra gli abitanti.

SOTTO MINACCIA – Da martedì a domenica, dalle 10 alle 18, dall'apertura della Biennale si è sempre andati avanti con gli assordanti rintocchi e con le forte vibrazioni di bassi e mix di acuti. Nella zona vivono anziani, malati, bambini (alcuni di pochi mesi) e la scarsa collaborazione dei curatori (che, quasi per assurdo, forniscono però cuffie insonorizzate a chi visita l'esposizione) ha portato proprio l'assessorato a decidere per misure estreme: dalle semplici richieste si è passati infatti ad un esposto in Procura, che rischia di trasformarsi in una denuncia penale per disturbo alla quiete pubblica proprio per i curatori che, messi alle strette, mercoledì alle 17 hanno fatto “suonare” solo la registrazione della campana, senza le invadenti vibrazioni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rumori molesti dai padiglioni della Biennale, non c'è pace a Castello

VeneziaToday è in caricamento