Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Il bilancio Actv piange: mancano all'appello 7 milioni e mezzo nel 2012

I conti negativi della società rischiano di ripercuotersi anche su quelli di Ca' Farsetti, che otterrebbe un milione e mezzo in meno di trasferimenti. Nel mirino chi viaggia da abusivo

Sette milioni e mezzo di euro di buco. O meglio, di mancati incassi rispetto a quelli previsti nel 2012. I conti Actv non sono rosei, come riporta La Nuova Venezia, e ciò si ripercuote anche sul bilancio del Comune, alle prese con il patto di Stabilità. A Ca' Farsetti potrebbero venire a mancare un milione e mezzo di euro di trasferimenti. Che in tempi di vacche magre pesano molto.

Il tutto con un aumento dei turisti che quest'estate hanno visitato Venezia e con un incremento delle tariffe. Uno dei problemi potrebbe essere l'evasione: proprio per questo la società di trasporto pubblico ha annunciato che su un autobus in via sperimentale verranno installati dei tornelli per evitare che qualcuno possa salire a bordo senza pagare il biglietto. I dati sui "portoghesi", infatti, non sarebbero positivi: chi viaggia abusivamente sui vaporetti sarebbe circa il 5 per cento, mentre in terraferma la percentuale salirebbe fino al 16 per cento. Quasi uno su cinque.


La piaga si scontra con la carenza di personale e il numero di controlli insufficiente. Ma anche difficoltà "logistiche", specie per i turisti, per poter acquistare i titoli di viaggio: le macchinette automatiche sarebbero troppo poche e le biglietterie affollate. C'è chi quindi preferisce muoversi a piedi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bilancio Actv piange: mancano all'appello 7 milioni e mezzo nel 2012

VeneziaToday è in caricamento