Al Biografilm Festival l'anteprima nazionale di “Alain Danièlou - il labirinto di una vita” il 15 e 19 giugno

Avrà la sua anteprima nazionale al Biografilm Festival edizione 2017 il documentario del regista veneziano Riccardo Biadene, dedicato alla figura emblematica di Alain Daniélou e alla straordinaria vita dell’uomo che ha portato l’India in Occidente, con proiezioni giovedì 15 giugno e lunedì 19 a Bologna. “Alain Daniélou. Il labirinto di una vita”, questo il titolo del film

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo:

"Avrà la sua anteprima nazionale al Biografilm Festival edizione 2017 il documentario del regista veneziano Riccardo Biadene, dedicato alla figura emblematica di Alain Daniélou e alla straordinaria vita dell'uomo che ha portato l'India in Occidente, con proiezioni giovedì 15 giugno e lunedì 19 a Bologna.

"Alain Daniélou. Il labirinto di una vita", questo il titolo del film, racconta l'avventuroso viaggio musicale, esistenziale e spirituale che Alain - bretone d'origine, figlio di un ministro socialista e con un fratello cardinale, amico di A. Gide e J. Cocteau - intraprende dal 1932, con il compagno fotografo svizzero Raymond Burnier, alla volta dell'India, lasciando un Occidente che non lo soddisfa. Il documentario parte dalla Bretagna e accompagna lo spettatore in India (Shantiniketan, Varanasi, Chennai, Pondicherry...), a Berlino, Venezia, e Roma, seguendo la storia del francese Daniélou, indologo e musicologo che ha vissuto, soprattutto in India, tra gli anni '30 e '60 del '900.

A Benares (ora Varanasi), Daniélou, insieme a Burnier, abita per 15 anni nel palazzo di Rewa, sulle rive del Gange, dove incontra fra gli altri, Eleanor Roosvelt o Roberto Rossellini. Qui Daniélou si dedica allo studio del sanscrito, viene iniziato all'induismo, e studia la musica classica indiana e la Veena a livello professionale. È a quegli anni che si deve la stesura di diversi libri sulla filosofia indù, lo shivaismo e i testi vedici. Dal 1950 è curatore della prima collana di world music classica per l'UNESCO. Nel 1963, di ritorno in Europa, fonda e dirige l'Istituto Internazionale di Studi per la Musica Tradizionale (IITM) a Berlino, e in seguito crea a Venezia l'Istituto Internazionale per gli studi di musica comparata, affinché la musica orientale abbia importanza paritaria rispetto a quella occidentale, e dove tale studio è mantenuto vivo oggi dalla Fondazione Giorgio Cini. E, proprio per raccontare il periodo in cui visse in Laguna il regista è tornato, nella sua città natale, per effettuare parte delle riprese del documentario, sull'Isola di San Giorgio Maggiore. Gli ultimi anni di vita, Alain Daniélou, li trascorre tra Roma, Losanna, Berlino e Parigi, con una certa preferenza per la villa sulle colline di Zagarolo, un paesino vicino a Roma.

Musica, danza, religione, tradizione e modernità, scultura e filosofia vengono esplorati in questo documentario attraverso le parole dello stesso Daniélou, tratte dall'autobiografia "La via del labirinto". Il regista, classe 1973 ­­- agli inizi della carriera cinematografica co-diresse "Come un uomo sulla terra" con Andrea Segre - dopo l'anteprima nazionale, accompagnerà il film il 22 al Ravenna Festival, importante manifestazione dedicata alla musica, il 29 al SummerMela, il festival di arte e cultura indiana a Roma, il 30 giugno a Padova al River Film Festival, in una serata particolare, a chiusura della rassegna, e l'8 luglio al Soleluna Festival a Palermo. Il progetto poi si aprirà a una distribuzione internazionale, che lo farà sbarcare in molti paesi europei, fra cui la Germania e l'India, nel corso del 2017. Ma per Biadene ci sarà un ulteriore ritorno a Venezia il 2 luglio, al Teatro la Fenice, in veste di produttore, con la sua Kama Productions per il documentario "Aquagranda in crescendo" che racconta il Teatro La Fenice durante la realizzazione di "Aquagranda" - l'opera-evento che commemora i 50 anni dalla terribile alluvione che colpì Venezia il 4 novembre 1966 - diretto da un altro veneziano Giovanni Pellegrini, e trasmesso lo scorso maggio su Rai 5."

Torna su
VeneziaToday è in caricamento