"La città non è un luna park": manifestazione bis dei no global davanti ai varchi | VIDEO

L'iniziativa sabato mattina davanti alle strutture di lista di Spagna: "Basta con la monocultura turistica, vogliamo politiche per la residenza e per sviluppare un tessuto produttivo locale"

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si sono presentati stamattina con uno striscione con scritto "VeniceLand, buy tickets here" formando un cordone umano davanti al varco d'ingresso a Venezia in lista di Spagna. Manifestazione bis dei no global contro la gestione dei flussi turistici voluta dall'amministrazione comunale, specie nei giorni di massimo afflusso considerati da "bollino nero". I varchi situati ai piedi del ponte della Costituzione e vicino alla stazione ferroviaria sono pronti a chiudersi in caso di numero troppo ingente di persone in accesso: "Basta con questa monocultura turistica - hanno dichiarato i manifestanti - Venezia non è un luna park. Chiediamo politiche per la residenza e per sviluppare un tessuto produttivo".

Azione durata meno di un'ora

L'azione è durata meno di un'ora: i ragazzi, vestiti da steward con false pettorine e falsi documenti di 'venezianità', hanno fatto passare alcuni turisti senza che questo provocasse problemi o incidenti. Al termine di quella che è stata definita una performance, il gruppo si è allontanato e tutto è tornato alla normalità.

La reazione di Brugnaro

Le reazioni al blitz non sono mancate, in primis quella del sindaco Luigi Brugnaro: "Oggi Tommaso Cacciari ha detto che i tornelli sono il male di Venezia e il centro sociale Morion una risorsa. Siamo messi proprio bene"
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento