menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasporto merci, Unatras sceglie la linea dura: presto un blocco dei tir in tutta Italia

La categoria denuncia l'indifferenza del governo ai "gravi problemi denunciati dalle imprese di autotrasporto". In occasione del "Tir Day" un camion era arrivato in piazza San Marco

Il comitato esecutivo di Unatras constata l’assenza dei provvedimenti sollecitati al Governo e decide il fermo dell’autotrasporto merci: è quanto decretato durante una riunione di martedì a Roma in cui è stato dato mandato all’ufficio di presidenza di definirne le modalità attuative. La decisione - secondo quanto comunicato con una nota diffusa dalla categoria - nasce dalle "mancate risposte ad una serie di gravi problemi denunciati dalle imprese di autotrasporto" anche in occasione del Tir Day, la mobilitazione nazionale organizzata lo scorso 18 marzo.

"Siamo profondamente delusi - dichiarano Nazzareno Ortoncelli e Michele Varotto, rispettivamente presidenti regionale Veneto e vice nazionale di Confartigianato Trasporti - che il nostro sforzo del 18 marzo scorso di manifestare in modo soft i disagi a imprese e popolazione (con un tir in piazza San Marco, a Venezia) non sia stata colta dal Governo per affrontare almeno alcuni dei punti che abbiamo sottoposto alla sua attenzione. Sono passati oltre quattro mesi dall’ultima volta in cui Unatras si è rivolta al ministro delle Infrastrutture e per suo tramite al Governo, denunciando il malessere della categoria l’insoddisfazione per la mancanza di risposte su questioni decisive per la sopravvivenza del sistema delle imprese di autotrasporto nazionale e, con esse, di una fetta fondamentale dell’autonomia economica del Paese".

Tra le criticità evidenziate da Unatras vi sono la concorrenza sempre più aggressiva dei vettori esteri, le violazioni della normativa sui tempi di pagamento, il blocco delle autorizzazioni per i trasporti eccezionali, le nuove disposizioni per le revisioni dei mezzi pesanti, la mancata pubblicazione dei costi minimi di sicurezza, i provvedimenti già approvati ma non ancora resi esecutivi. "Già il 18 marzo avevamo annunciato, come estrema ratio, il fermo - concludono Ortoncelli e Varotto - Purtroppo non abbiamo altra scelta consapevoli dei problemi che creeremo al Paese. Per spiegare le ragioni del fermo, nei prossimi giorni Unatras solleciterà confronti con le forze politiche in Parlamento e con i rappresentanti della presidenza del Consiglio".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento