Cronaca

La polizia locale di Jesolo sperimenta le bodycam per gli agenti

Nuova tecnologia in funzione per l'estate 2021, le videocamere registrano audio e video degli interventi. Il sindaco Zoggia: «Una tutela in più»

La polizia locale di Jesolo userà le bodycam, piccole videocamere che registrano video e audio durante gli interventi. Il progetto è sperimentale: per ora le telecamere sono una decina e saranno impiegate per l'estate 2021, «a tutela di cittadini e ospiti».

I dispositivi sono prodotti dalla società americana Axon e già ampiamente utilizzati dalla polizia statunitense. Si indossano sul petto e, una volta avviati, danno la possibilità di documentare reati o illeciti commessi sul territorio, producendo video ad alta risoluzione che sono utilizzabili anche a fini probatori nel corso di eventuali indagini. Il sistema ha la possibilità di attivarsi in automatico, di trasmettere un segnale d’allarme se rileva situazioni di pericolo e di trasmettere in diretta le riprese alla centrale operativa del Comando.

Se da una parte le bodycam saranno un aiuto nell'accertamento di comportamenti inadeguati, dall'altra dovrebbero assicurare anche la correttezza dell’operato degli agenti. «Gli agenti di Jesolo si trovano spesso a dover affrontare situazioni al di fuori delle loro competenze - commenta il sindaco Valerio Zoggia - per questo abbiamo deciso di sostenerli attraverso la sperimentazione delle bodycam, che diventano una forma di tutela. Jesolo e il suo corpo di polizia locale, d’altronde, non sono nuovi all’impiego di tecnologie». Come i droni, che vengono utilizzati per la documentazione degli incidenti stradali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia locale di Jesolo sperimenta le bodycam per gli agenti

VeneziaToday è in caricamento