«La comunità è fragile»: bonus per famiglie numerose, assegno per i nuovi nati

Regione e Comune in azione sulle politiche sociali del territorio

Famiglia, archivio Today

Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro: il Comune di Venezia, su proposta dell'assessore Simone Venturini, ha approvato un bonus per famiglie numerose con entrambi i genitori lavoratori, recependo il finanziamento regionale di 73 mila euro previsto del programma “Alleanza per la famiglia”. Andrà a sostenere i nuclei con Isee inferiore a 35 mila euro e sarà di 300 euro per ogni figlio di età uguale o inferiore a 16 anni. Un assegno pre-natale, sin dai primi mesi della gravidanza per sostenere i costi legati all’attesa e alla nascita di un bebè, è invece in arrivo dalla Regione Veneto.

Il bonus

Pronta una delibera della giunta comunale per un bando pubblico a sostegno famiglie numerose, con entrambi i genitori lavoratori, attraverso l'erogazione di un bonus a supporto dei costi sostenuti per la crescita dei figli e della conciliazione tempi di vita e di lavoro. Un’iniziativa dedicata ai nuclei con almeno 3 figli, con entrambi i genitori al lavoro, che sono indotti a ricorrere maggiormente a servizi integrativi in orario extra scolastico come attività ludiche, sportive ed educative. Occorre essere residenti da più di 5 anni nel Comune di Venezia. L’avviso pubblico uscirà nelle prossime settimane e verrà pubblicizzato sul sito del Comune e sui social media. La graduatoria sarà formata tenendo conto degli Isee e di altri parametri secondari. I bonus verranno erogati scorrendo la graduatoria e fino a esaurimento del fondo.

Natalità

Un assegno pre-natale, sin dai primi mesi della gravidanza per sostenere i costi legati all’attesa e alla nascita di un bebè, è invece in arrivo dalla Regione. Oltre all’avvio, in fase sperimentale, di accessi gratuiti ai nidi, con priorità per le famiglie più in difficoltà o con disabili a carico. E a un fondo per le famiglie monoparentali, cioè i genitori soli, vedovi, separati o divorziati, in difficoltà economica. E ancora: sportelli e centri per la famiglia, dove le coppie con figli possano trovare un punto di riferimento e di mediazione familiare nei momenti di difficoltà, sia relazionale che materiale. 

Il declino

Il disegno di legge è stato approvato dalla giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore al sociale e alla sanità Manuela Lanzarin, e già inviato al Consiglio perché sia esaminato con procedura d’urgenza e diventi legge al più presto. «Il calo delle nascite e la fragilità della famiglia sono la prima grande emergenza sociale del Veneto – dichiara l’assessore Lanzarin –. In poco più di un decennio il Veneto ha perso quasi 10 mila neonati l’anno. Se le culle restano vuote, e le famiglie si fanno sempre più sottili e fragili, la prospettiva non può che essere quella del declino demografico, sociale, culturale ed economico. Ecco perché vogliamo investire nel sostegno alla natalità e alla genitorialità».

La cabina di regia

L’impianto legislativo prevede un piano triennale di programmazione con relativa cabina di regìa, composta dagli assessori competenti, dal dirigente regionale dei servizi sociali, e da due rappresentanti dei Comuni, uno delle Ulss e tre degli organismi di rappresentanza delle famiglie. La dote economica messa in campo dalla Regione per il primo anno ammonta a 4,5 milioni di euro. Nella dote finanziaria confluiscono alcuni interventi già avviati nel corso di questa legislatura: gli aiuti per i genitori soli, vedovi, separati o divorziati, con figli a carico, e quelli per le famiglie numerose a basso reddito, o con parti trigemellari. Misure alle quali sarà garantita continuità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La comunità

«Circa 6 mila famiglie in situazione di bisogno - conclude l’assessore -: ci interessa avviare un pensiero nuovo e condiviso nel territorio a sostegno della genitorialità in tutte le sue fasi, per riuscire a organizzare al meglio risorse e strumenti pubblici e iniziative private in una logica di ‘welfare di comunità’. Solo facendo squadra tra Regione, Comuni, Ulss, operatori dei servizi e associazionismo, riusciremo a intercettare i bisogni, spesso inespressi, di aspiranti genitori e neogenitori e a creare alleanze tra generazioni: perché, come insegna un vecchio adagio, per crescere un figlio non basta una famiglia, ci vuole un intero villaggio, cioè una rete di famiglie e una comunità attenta e solidale, dove la dimensione familiare sia di casa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Tutte le Municipalità al centrodestra tranne Venezia: chi sono i nuovi presidenti

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento