menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di inquilini Ater che si rivolgono ad Adico: "Azienda sorda"

Nel 2014 record di richieste, e nei primi tre mesi 2015 continuano le segnalazioni allo sportello dell'associazione: "Ma non otteniamo risposta"

"Muffa sulle pareti, finestre rotte, pavimenti dissestatati. Nella case Ater di Mestre i problemi sono tanti e variegati, mentre le risposte da parte dell’azienda sono praticamente inesistenti". A dichiararlo è l'associazione a difesa dei consumatori Adico, che dopo il boom del 2014, con una crescita superiore al 10% degli inquilini Ater che si sono rivolti all'associazione, anche nel 2015 ha già diversi casi seguiti dallo sportello “sfratti e condominio”. Quasi tutti legati alla questione delle manutenzioni.

“Le persone che si rivolgono al nostro ufficio legale – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’associazione dei consumatori – arrivano esasperate, dopo aver tentato più volte di comunicare con l’azienda senza successo, o dopo aver ricevuto promesse poi regolarmente disattese”. Al contrario di ciò che succede con tutte le realtà con cui si rapporta Adico – Enti, aziende, operatori, fornitori di servizi e quant’altro – “anche di fronte alle nostre diffide Ater è quasi sempre sorda e non risponde o se risponde lo fa in modo evasivo e senza arrivare al nodo della questione – continua Garofolini -. Quasi sempre siamo costretti a rifarci avanti con un sollecito. Tutto ciò, però, rappresenta una perdita di tempo e ulteriori spese per l’inquilino il quale ha tutto il diritto di essere ascoltato”.

Carlo Garofolini, dunque, lancia un appello all’azienda affinché “si dimostri più attenta ai problemi dei propri inquilini rispondendo alle proprie legittime richieste. Stiamo parlando di persone costrette a vivere in alloggi al limite dell’agibilità, in condizioni di degrado che rischia di minare la salute degli stessi. La mancanza di soldi da parte dell’Ater non può essere l’alibi per lasciare la gente in condizione di totale precarietà. E comunque di fronte alle legittime richieste degli inquilini, non si può far finta di niente arrivando addirittura al punto di non fornire alcuna risposta in merito alle problematiche denunciate”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento