menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di nascite a gennaio all'Ospedale dell'Angelo

180, trenta in più della media mensile registrata nel 2014, i parti del primo mese del 2015. Soddisfazione dopo l'ampliamento del reparto

Un inizio dell'anno pieno di lieti eventi all’Ospedale dell’Angelo di Mestre. I bambini nati infatti sono stati 180, trenta in più della media mensile registrata nel 2014, quando i parti totali erano stati 1830. “I bambini arrivano quando vogliono – ha commentato il Primario di Ostetricia Tiziano Maggino – ma non è detto che i 180 parti di gennaio certifichino una crescita destinata a proseguire nei prossimi mesi”. Il dato inoltre va a sommarsi a quella che è una tendenza consolidata di crescita: nel 2013 i bimbi nati all’Angelo erano stati 1560, e nel 2014 sono saliti a 1830; ora se si dovessero confermare i numeri fatti registrare a gennaio, nel 2015 si supererebbe ampiamente quota 2100 nascite.

Dopo il potenziamento del reparto di ostetricia attuato all’inizio del 2013, con una nuova ala e nuovo personale, il Punto Nascite dell’Angelo può ora contare su 40 i letti e 7 sale parto (di cui due organizzate come “casa da parto” con la vasca per il travaglio in acqua). "L’ostetricia dell’Ospedale dell’Angelo ha saputo assorbire bene questa crescita del numero dei parti - ha continuato il dott.Maggino -, a partire dai primi mesi dello scorso anno, quando è stato chiuso il Punto Nascite del Villa Salus: nuovi spazi, nuove attrezzature e una squadra ampliata e ben preparata hanno permesso all’Ospedale dell’Angelo di vincere la sfida dei numeri”. La speranza ora è che l'aumento demografico riscontrato nel mese di gennaio possa continuare per tutto il 2015.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento