menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gioco di squadra tra Actv e forze dell'ordine: due borseggiatrici finiscono in manette

Il personale dell'azienda di trasporto pubblico ha prima permesso di recuperare la refurtiva a un turista sulla linea 2, poi ha fatto terra bruciata attorno a un paio di manoleste

Il gondoliere che si è ribellato alle borseggiatrici domenica scorsa l'aveva detto: "Se tutti le segnaliamo renderemo loro la vita difficile". Così è stato almeno in due casi mercoledì pomeriggio. Una coppia di borseggiatrici è stata arrestate dalla polizia locale, mentre altre due manoleste si sono viste fare terra bruciata attorno a sé dagli avvertimenti dell'equipaggio Actv ai passeggeri: "Controllate bene borse e portafogli", è stato spiegato dal preposto al comando e dalla marinaia, che durante tutto il tragitto hanno controllato a vista le manoleste.

A rendere note le due vicende è una nota di Avm, che non lesina complimenti ai propri dipendenti. Nel primo pomeriggio, nel tratto di linea 2 tra Rialto e piazzale Roma, pontonieri ed equipaggio, in collaborazione con la centrale operativa, hanno aiutato un turista giapponese a recuperare i propri effetti personali appena scippati dalle delinquenti, precedentemente bloccate e arrestate dagli agenti in borghese della polizia locale. Una delle borseggiatrici, 23enne croata residente, al quinto mese di gravidanza, è stata trovata in possesso del portafoglio contenente 500 euro: il vaporetto era partito, ma il pilota ha invertito la rotta, tornando a recuperare il maltolto.

Dopo poche ore alcune "colleghe" delle ladre finite in manette hanno dovuto fare i conti con l'occhio lungo di comandante e marinaia che, avvisate della presenza a bordo di borseggiatrici, le hanno prima individuate, poi hanno controllato loro i biglietti. Infine hanno avvertito tutti i passeggeri del pericolo.

“Queste sono le donne e gli uomini che fanno onore con il loro comportamento al gruppo Avm - ha dichiarato il direttore generale, Giovanni Seno - Sono orgoglioso di queste persone che dimostrano con i fatti come si possa contribuire con piccoli grandi gesti all'immagine non solo dell'azienda ma di tutta la città Comportamenti di questo tipo, e sono troppo pochi quelli che assurgono all'onore delle cronache rispetto a quelli che quotidianamente si verificano, sono la migliore risposta alle critiche, ai dileggi, alle affermazioni di chi non sa di cosa parla, alle aggressioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento