menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Denunce e arresti per le borseggiatrici: in manette anche la ragazzina delle "Iene"

La giovane era stata immortalata da un servizio della trasmissione tv in stazione. Lì vicino è stata bloccata martedì dalla polizia locale. Sequestrati anche 2 etti e mezzo di droga

Tre arresti e quattro denunce a piede libero: questo il bilancio di due operazioni antiborseggio compiute negli ultimi giorni dalla polizia locale a Venezia, nella zona tra il ponte degli Scalzi e calle lunga delle Chioverette. Le manette sono scattate martedì verso mezzogiorno, quando gli agenti hanno colto in flagrante una maggiorenne tre minorenni. Avevano puntato una giovane turista cinese, ma sono state bloccate in azione.

GLI ARRESTI - La maggiorenne del gruppo, una 23enne di origini slave incinta, è stata subito dichiarata in stato d'arresto e trasferita nella camera di sicurezza del Servizio di sicurezza urbana a piazzale Roma. A essere "incastrate" anche altre 2 compari: entrambe hanno affermato di avere meno di 14 anni, dunque di non essere imputabili. L'esame del polso, però, le ha smentite: avevano rispettivamente 17 e 14 anni, sempre di origini slave, è stato disposto il trasferimento al carcere minorile di Santa Bona a Treviso. La quarta del gruppo ha una situazione più complessa: l'esame osseo ha stabilito che anche lei avrebbe 17 anni, ma sul passaporto c'è scritto che ha 13 anni. Si tratterebbe di un passaporto "autentico", ottenuto evidentemente sfruttando un certificato di nascita fasullo. Sul passaporto sarebbe dichiarato come luogo di nascita Roma, ma al Comune capitolino non risulterebbe nulla. Gli accertamenti proseguiranno: per lei è scattata una denuncia e il trasferimento in comunità. Una delle quattro ragazze bloccate era assunta agli onori della cronaca mesi addietro per essere stata ripresa dalle telecamere delle "Iene", proprio mentre agiva nella zona della stazione.

LE DENUNCE - Domenica mattina, invece, il nucleo di polizia giudiziaria della polizia locale, in abiti civili, ha bloccato in flagranza tre nomadi di 27, 18 e 14 anni. Si tratta di un gruppetto di nomadi provenienti dalla zona della Capitale. Avevano tentato una serie di borseggi sempre in zona ponte degli Scalzi. Le giovani, già note agli operatori per precedenti specifici, avevano nascosto nei propri reggiseni delle somme di denaro ritenute provento del borseggio: sono state così denunciate a piede libero e la minorenne è stata trasferita in una comunità del Trevigiano.

LA DROGA - Nel frattempo continua l'attività della polizia locale a contrasto dello spaccio. Negli ultimi giorni, a Mestre, le unità cinofile del Servizio Sicurezza Urbana sono ripetutamente intervenute, sequestrando circa due etti e mezzo di stupefacente di vario tipo nelle zone di via Monte san Michele, parco Piraghetto e parco Albanese. In quest'ultima area verde sono state rinvenute dosi di marijuana pronte per lo spaccio nascoste all'interno del fanalino anteriore di una bicicletta in uso a un pusher. Nell'anno in corso sono oltre sette i chili di droga sequestrati dalla polizia locale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento