Cronaca

Zona gialla "rafforzata" e area arancione: cosa dice la bozza del nuovo decreto legge

Divieto di spostamento tra Regioni, ma resta la deroga confermata per le visite a parenti e amici, maggiori restrizioni si avranno nei weekend dal 7 al 15 gennaio

Il decreto legge che il Governo ha intenzione di varare stasera 4 gennaio prevede una zona gialla rafforzata nei giorni feriali, con il divieto di spostamento tra le Regioni ma con la conferma della deroga che prevede la possibilità per due persone di muoversi verso un'altra abitazione all'interno della regione e una zona arancione nel week end. La bozza sarà oggetto del consiglio dei ministri convocato per questa sera e sarà in vigore fino al 15 gennaio, quando un nuovo decreto legge e forse un nuovo Dpcm cambieranno le restrizioni in tutta Italia. La notizia è riportata da Today.

Zona gialla rafforzata nei feriali e arancione nei festivi

Secondo l'agenzia di stampa Dire il decreto legge sarà accompagnato da un'ordinanza del ministero della Salute, mentre il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia ha fatto sapere che nel testo dovrebbe essere presente l'abbassamento della soglia dell'indice di contagio Rt, uno degli indicatori che fanno scattare il posizionamento delle Regioni nelle diverse fasce e che sarà in vigore a partire da lunedì 11, mentre per l'8 gennaio è atteso il report dell'Istituto Superiore di Sanità e del ministero della Salute che aggiornerà l'Rt in tutta Italia: in questo modo alcune regioni si troveranno in zona arancione (o rossa, ma è meno probabile) con una nuova ordinanza del ministero.

Nel decreto che entra in Consiglio dei ministri questa sera è confermato il divieto di spostamento tra Regioni a partire dal 7 gennaio e fino al 15. Nei giorni festivi e prefestivi dello stesso periodo, le misure saranno ulteriormente inasprite: scatta cioè il divieto di lasciare i Comuni, con l'esclusione della circolazione dai comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri.

Differenza tra zona gialla "rafforzata" e zona arancione

Con le nuove regole rimane sempre consentita la possibilità di rientro alle proprie residenze o domicilio. Vengono esclusi gli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma. Confermata anche la possibilità di spostarsi verso un'abitazione privata in regione, una sola volta al giorno tra le 5 e le 22. Il nuovo calendario delle restrizioni dal 7 al 15 gennaio prevede quindi:

  • il 5 e il 6 gennaio saranno gli ultimi due giorni in zona rossa per tutta Italia: negozi chiusi tranne quelli di beni di prima necessità, divieto di uscire di casa se non per ragioni di lavoro, salute o necessità e urgenza da giustificare tramite autocertificazione, coprifuoco dalle 22 alle 5, una sola visita consentita al giorno (massimo due ospiti)
  • il 7 e l'8 gennaio l'Italia sarà in zona gialla "rafforzata": riapertura delle attività e di tutti i negozi (con ristoranti e bar chiusi dopo le 18), rientro a scuola al 50% degli studenti delle scuole superiori
  • il 9 e il 10 gennaio l'Italia sarà in zona arancione: possibilità di spostarsi all'interno del proprio comune ma non tra un municipio e l'altro e al di fuori della propria regione, negozi aperti tranne bar e ristoranti (consentito comunque l'asporto e la consegna a domicilio), coprifuoco dalle 22 alle 5, una sola visita consentita al giorno (massimo due ospiti)
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona gialla "rafforzata" e area arancione: cosa dice la bozza del nuovo decreto legge

VeneziaToday è in caricamento