menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brandisce bastone di mezzo metro, semina lo scompiglio in strada

Ha colpito alcune cancellate, poi la fuga tra le auto a Jesolo: è stato ricoverato lunedì in psichiatria, per lui una denuncia a piede libero

Semina lo scompiglio tra le vie di Jesolo agitando un bastone, probabilmente trovato in riva al mare: è quanto accaduto lunedì tra via Equilio e via Kennedy, dove un uomo è  stato visto colpire le recinzioni di alcune abitazioni private, mentre gridava frasi sconnesse e senza senso compiuto. Gli agenti sono giunti sul posto su segnalazione di alcuni residenti allarmati per quanto stava accadendo fuori delle loro case.

Una volta individuato l’uomo, un 31enne già conosciuto a Jesolo, la pattuglia ha cercato di avvicinarlo per tranquillizzarlo e capire il motivo di tanta agitazione. Per tutta risposta lui ha iniziato a correre in mezzo alla strada tra le vetture in transito, creando disturbo anche agli automobilisti. L’inseguimento è durato qualche centinaio di metri quando il 31enne, sfinito per la corsa forsennata, si è seduto a lato del marciapiede lasciando cadere a terra il bastone che aveva nascosto sotto la giacca.

Nessuna grave conseguenza, dunque, anche grazie all’intervento di una volante del commissariato di polizia giunta in supporto alla pattuglia della polizia locale. La persona fermata è nota agli agenti per alcuni precedenti. Dopo la folle corsa tra le auto ha continuato a ripetere frasi senza senso, comportamento che ha proseguito anche in commissariato.

A quel punto è stato deciso di richiedere l’intervento di un’ambulanza del 118, che ha portato l’uomo in ospedale a Jesolo per un accertamento sanitario. Si è poi deciso per il trasferimento in reparto psichiatria a San Donà, sempre in ambulanza, scortata dalla polizia municipale e da mezzi del commissariato . Il bastone di legno, di circa 10 centimetri di diametro e 50 di lunghezza, è stato invece sequestrato. Le condizioni di salute del 31enne non gli hanno comunque evitato una denuncia piede libero per il porto abusivo di strumenti atti ad offendere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento