rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Brugnaro: «Parlerò col governo. Venezia ha bisogno di stadio, palazzetto e piscina»

Il sindaco, nel giorno in cui ha ricevuto la stella d'oro Coni con il presidente della Reyer Casarin, ha spiegato l'importanza delle strutture sportive per i giovani e il rilancio della città

Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e il presidente della Reyer Federico Casarin hanno ricevuto oggi a Ca' Farsetti la Stella d'oro al merito sportivo, alla presenza di Giovanni Petrucci, presidente della Fip (Federazione italiana pallacanestro) ed ex numero uno del Coni.

«Con questa onorificenza al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il Coni riconosce la sua rilevante e preziosa attività in favore dello sport italiano ed esprime riconoscenza per la generosa collaborazione, professionalità e impegno dedicati allo sport». Questo il messaggio del presidente del Coni Giovanni Malagò, assente questa mattina. Gli ha fatto eco Petrucci: «La consegna delle Stelle d’oro a Luigi Brugnaro e Federico Casarin è per me e per la federazione che rappresento, una enorme soddisfazione. Un grande sindaco e imprenditore come Brugnaro e un grande dirigente come Casarin sono motivo di orgoglio per la nostra pallacanestro; i cospicui investimenti e il lavoro svolto finora alla Reyer nel settore maschile, in quello femminile e nell’attività giovanile hanno avuto il merito di spingere le squadre di basket di Venezia ai vertici del basket italiano ed europeo».

Brugnaro ha colto l'occasione per sottolineare la funzione educativa dello sport. «Grazie a Gianni Petrucci, a Giovanni Malagò e a tutta la giunta del Coni per questo prestigioso riconoscimento. - ha detto - Ci fa piacere pensare che sia valorizzata, nel basket e dal Coni in generale, l'idea pedagogica dello sport e che si possa fare sport per rappresentare dei valori, gli stessi con cui i genitori educano i figli. C'è bisogno che i giovani imparino a competere mettendo in campo le migliori energie. Il mondo sportivo sposa l'idea di affiancare la famiglia nella crescita dei ragazzi e delle ragazze».

«A Venezia servono stadio, palazzetto, piscina»

Il primo cittadino ha poi posto l'accento sull'importanza delle strutture sportive come volano della ripresa di Venezia. «La coesione sociale parte anche da un sistema di organizzazione moderno. - ha spiegato - Gli impianti sportivi sono importanti per poter attrarre sempre più gente. Sarà una delle condizioni che porremo per rilanciare la città. Una ripresa trainata dall'università, dal rilancio di Porto Marghera, dai nostri artigiani del lusso inteso anche in senso culturale e storico e da importanti investimenti sui luoghi per i giovani come palazzetti, stadi, piscine che, oltre allo sport, ospitano eventi di ogni genere, dando un senso di vita cittadina. Se vogliamo rilanciare Venezia lo sport è fondamentale e ancor più fondamentali sono le strutture. Di ciò parleremo con il Governo: alla città serve uno stadio, un palazzetto dello sport, una piscina olimpionica, un centro di atletica per dar spazio ai nostri giovani che, anche a livello internazionale, stanno dimostrando di essere meritevoli anche in sport come  scherma, tiro all'arco e nell'atletica».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brugnaro: «Parlerò col governo. Venezia ha bisogno di stadio, palazzetto e piscina»

VeneziaToday è in caricamento