Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Terrorismo, Brugnaro risponde agli attacchi: "Difendere la libertà ha sempre conseguenze"

 

"Voglio ringraziare tutte le forze dell'ordine che stanno lavorando per la sicurezza, perché la libertà è un valore e va difesa". Lo ha detto il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, nel corso della visita compiuta lunedì mattina insieme al presidente della Biennale Paolo Baratta per presentare il completamento dei lavori dell'area del Palazzo del Cinema e dell'ex Casinò, a due giorni dall'inaugurazione della 74esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. "Difendere la libertà ha sempre le sue conseguenze - ha continuato - Siamo pronti a difenderci ma siamo sempre stati aperti. La città ha il diritto di dire ciò che pensa".

Il riferimento è inevitabilmente anche alle polemiche di questi giorni inerenti le frasi proferite dal titolare di Ca' Farsetti durante il meeting di Cl a Rimini: "Voglio ringraziare le forze dell'ordine - ha continuato - Purtroppo per garantire la sicurezza ci saranno dei piccoli rallentamenti, ma i veneziani sono già abituati. Venezia è città aperta e di tutti, è nella sua storia. Ma devono essere garantiti i perimetri della libertà e dell'espressione, all'interno di quest'ultimi si può dibattere quanto si vuole. Penso che sia doveroso difendere la nostra cultura occidentale, così come le nostre abitudini. Semplicemente chiediamo rispetto, e la Biennale è un volàno importante in questo".

Al sindaco è stato chiesto un proprio punto di vista anche sull'ipotesi del governo di utilizzare le case confiscate alla Mafia per ospitare i migranti: "Mi pare una buona idea - ha risposto - penso però che per cominciare serve chiudere le frontiere nel Mediterraneo con blocco umanitario. Bisogna in primis salvare le persone e non farle affogare, ma possono entrare in Italia solo coloro che hanno permessi o visti. Mi sembra - ha concluso - che Minniti stia facendo bene. Gli ricordiamo la famosa proposta di legge che prevede la camera di sicurezza da 1 a 10 giorni per chi delinque. Mi sembra una cosa utile per affrontare realmente certe situazioni".

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento