Buoni fruttiferi postali: in Veneto raccolti 15 miliardi di euro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Al 31 dicembre 2014 i risparmiatori del Veneto detenevano complessivamente nel loro portafoglio oltre 15 miliardi di euro di Buoni Fruttiferi Postali, prodotti di investimento emessi da Cassa depositi e prestiti e collocati in esclusiva dal 1924 da Poste Italiane in tutti gli uffici postali. Sempre in Veneto, a fine 2014, nei libretti postali la raccolta superava i 9 miliardi di euro, per uno stock totale - tra libretti e BPF - di 24,6 miliardi di euro. In Italia lo stock complessivo di Bfp supera il valore di 211 miliardi di euro.I Buoni Fruttiferi Postali sono garantiti dallo Stato Italiano e possono essere rimborsati in ogni momento, assicurano inoltre il rimborso del capitale investito e degli interessi maturati, a prescindere dalle temporanee condizioni di mercato.

Il Buono fruttifero postale consente di investire anche piccole somme e non ci sono spese di emissione, gestione o rimborso, con una tassazione degli interessi al 12,50%. Inoltre, i Buoni sono esenti da imposta di successione. Sono assoggettati ad imposta di bollo tranne quelli il cui valore di rimborso non sia superiore a 5 mila euro. I Buoni sono disponibili sia nella classica versione "cartacea" (50 euro e multipli) sia in quella "dematerializzata" (250 euro e multipli). Per sottoscrivere buoni dematerializzati è necessario essere titolari di un Libretto di Risparmio o di un conto corrente postale. Con il Buono "dematerializzato" si evita di incorrere nella prescrizione perché alla scadenza dell'investimento l'importo viene automaticamente versato sul conto corrente postale o sul libretto postale del cliente. E' possibile rimborsare anticipatamente i propri Buoni Fruttiferi e, nel caso dei Buoni dematerializzati, si può chiedere il rimborso anticipato anche per una parte dell'importo (minimo 250 euro e multipli) investito.

Torna su
VeneziaToday è in caricamento