Buoni spesa del Comune di Venezia, alcuni già domani. Pd: «Perso troppo tempo»

Lo ha fatto sapere il sindaco Luigi Brugnaro, intervenuto mercoledì mattina a una trasmissione televisiva. «Ci hanno lasciati completamente soli»

Il sindaco Luigi Brugnaro

«Abbiamo avuto circa duemila domande finora, vogliamo andare incontro a bisogni immediati di persone che hanno visto azzerare il loro reddito, porteremo a casa i buoni con ragazzi, volontari, sportivi, tutti quelli che ringrazio per come si stanno dando da fare e grazie a tutti quelli che ci scrivono. Il turismo è in ginocchio», ha detto il primo cittadino a Mi manda Rai 3 mercoledì mattina. Le istruttorie già completate vengono portate avanti con la consegna dei buoni che continuerà fino alla prossima settimana e fino a soddisfacimento di tutte le domande.

«Ma è tutta la filiera che soffre, anche i trasporti. Ci siamo arrangiati su tutto. Siamo stati lasciati soli, abbiamo chiesto un riferimento al governo con cui parlare, ma almeno uno. Io sto mandando avanti i servizi ma tutto a spese del Comune. Ora partirà la cassa integrazione in deroga per 9 settimane, ma poi non ce la faremo più».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una tempistica, quella della preparazione e distribuzione dei buoni alimentari, che non convince il Partito Democratico veneziano. «Il sistema messo in piedi dal Comune di Venezia è partito in ritardo, è troppo lento, eccessivamente burocratico e non risponde all’urgenza della situazione. Non si comprende per quale motivo il Comune abbia deciso di fare in casa i buoni cartacei, invece di distribuire, come hanno invece fatto molte città medie e grandi, carte prepagate, legate ai circuiti delle più diffuse carte di credito. Questo implica si possano spendere solo negli esercizi convenzionati: ad oggi 15 in tutto quelli che hanno sottoscritto la convenzione, peraltro con una serie di oneri burocratici a loro carico. Non capiamo, infine, per quale motivo, oltre a parrocchie e associazioni, non si siano coinvolte nell’individuazione delle situazioni di disagio e nella distribuzione dei buoni anche le Municipalità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

  • Incidente tra mezzi pesanti in A4, due persone ferite

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento