"Chi sa parli, fateci dare una sepoltura degna a Paola e Rosalia"

Lino Costantini, fratello di una delle due buranelle, lancia un appello. Novità venerdì: tracce di polvere da sparo su abiti di Nicola Alessandro

"Noi lanciamo sempre il nostro appello. Chi sa parli. Chi ha aiutato a nascondere il corpo di Rosalia e Paola non deve temere più nulla, ormai è tutto in prescrizione. Ci dica dove possiamo recuperare i loro corpo, per poterli piangere come si deve". Lino Costantini, il fratello di Paola, una delle due "buranelle" scomparse il lontano 27 ottobre 1991 da Treporti, non molla. Continua a rivolgersi a chi in quella lontana notte di quasi un quarto di secolo fa si trovava in compagnia delle giovani.

E' convinto che qualcuno da allora si è tenuto dentro ciò che sa. Ora, però, le indagini hanno portato forse al primo elemento "tangibile" che potrebbe aiutare a far luce sul cold case veneziano: sugli indumenti a suo tempo sequestrati a Nicola Alessandro, ora 55enne ed ex fidanzato di Rosalia (anche se lui nega sempre la relazione), gli uomini della polizia scientifica hanno rinvenuto tracce di polvere da sparo. Su quattro indumenti rimasti in uno scatolone come reperti per più di due decenni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tracce uniformi, che la difesa dell'unico indagato per la vicenda (l'inchiesta è per omicidio e occultamento di cadavere) bolla come contaminazione esterna. In ogni caso si tratta di un punto fermo dell'indagine, coordinata dal sostituto procuratore Carlo Nordio. Sarà il giudice a stabilire se archiviare o disporre ulteriori accertamenti. "Noi siamo contenti se trovano il colpevole - continua Lino Costantini - perché c'è un assassino in libertà e non è giusto che contiinui a girare per le strada. Ma ripeto che a noi interessa dare una sepoltura degna a Paola e Rosalia. Recuperare i loro resti. Voi che state zitti, fatevi avanti. Dite dove sono state nascoste". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento