menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Jesolo: autobus turistico rubato, ritrovato dalla polizia al confine tra Slovenia e Croazia

Il mezzo, un Mercedes francese, era stato parcheggiato giovedì in via Cavalieri di Vittorio Veneto dopo l'arrivo della comitiva sulle spiagge. Il mattino seguente neppure l'ombra

È stato ritrovato al confine tra Slovenia e Croazia il pullman portato via la notte tra giovedì e venerdì a Jesolo Lido, vicino all'hotel Bolivar, dove aveva fatto scendere una comitiva di turisti in via Cavalieri di Vittorio Veneto, secondo quanto riportato da La Nuova Venezia.

L'autobus, un Mercedes francese, era arrivato verso le 7 di giovedì sera vicino all'albergo e poi aveva parcheggiato nei dintorni. Il mattino seguente però, venerdì, con il gruppo già pronto a partire, del pullman non c'era più stata traccia. Dileguato, secondo quanto riferito dall'autista che ha lanciato l'allarme.

È subito scattata una denuncia presentata alla sede del locale commissariato di polizia e sono iniziate le ricerche per trovare il mezzo "scomparso", con i conseguenti disagi arrecati al gruppo in vacanza. Inutili le prime perlustrazioni delle forze dell'ordine, nelle ore successive. Ma i poliziotti avevano subito provveduto ad inserire in banca dati internazionale tutte le caratteristiche del bus turistico per consentire un immediato riscontro anche da parte delle forze dell’ordine operanti in area Shengen. 

Nel pomeriggio di sabato l'autobus è stato individuato vicino al confine sloveno–croato e l’accertamento relativo alla sua provenienza furtiva è stato possibile grazie al numero del telaio, dato che la targa era già stata cambiata con una verosimilmente “pulita”. 

Si tratta del secondo episodo di autobus rubato a Jesolo, nel giro di due mesi. Anche la volta precedente ad essere preso di mira era stato un Mercedes, del valore di circa 250 mila euro. Forse per la presenza di un mercato illegale di pullman turistici, che frutterebbe bene al momento della vendita, sia del veicolo in sé che degli eventuali pezzi di ricambio. Sono in corso ulteriori accertamenti sull’intera vicenda e sul tragitto percorso dal bus fino al confine tra i due stati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento