Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ca' Foscari, nasce un programma di ricerca sugli effetti della globalizzazione sulla società contemporanea

Erck Rickmers dona all’Ateneo oltre 1 milione di euro per il progetto. Cambiamenti, disuguaglianze, analisi dei conflitti sociali e religiosi e l’impatto in tutti gli aspetti della società. Un disegno interdisciplinare in cui la cultura umanistica svolge un ruolo strategico per affrontare le sfide del nostro tempo. Nei prossimi tre anni saranno impegnati 20 ricercatori di Venezia

 

Nasce a Venezia l’International Center for the Humanities and Social Change. Si costituisce su iniziativa dell’Università Ca’ Foscari Venezia e della Humanities and Social Change International Foundation per attivare un programma di ricerca sugli effetti della globalizzazione sulla società contemporanea. L'inaugurazione oggi mercoledì 17 maggio, a Ca' Foscari, con lo scrittore indiano Amitav Ghosh.
 
Saranno 20, nei prossimi tre anni, i ricercatori di Ca’ Foscari che si occuperanno di cambiamenti globali, disuguaglianze, analisi dei conflitti sociali e religiosi, esaminandone l’impatto in tutti gli aspetti della società. Un progetto interdisciplinare in cui la cultura umanistica svolge un ruolo strategico per affrontare le sfide del nostro tempo.
 
L’International Center for the Humanities and Social Change è il primo centro di un network che coinvolgerà prestigiose università internazionali e metterà in relazione studiosi di diversi ambiti.
 
Scopo del Centro è infatti quello di creare e sviluppare un programma di ricerca interdisciplinare nelle scienze umane e sociali, tessere un dialogo con altri settori dell’arte, della scienza e della tecnologia, così come con esperti del lavoro, dei media e dell’informazione, della politica e altri stakeholder. L’obiettivo è di contribuire a trovare risposte ai  più rilevanti e pressanti problemi della società contemporanea e della sua evoluzione sul piano tecnologico, culturale ed economico,  fornendo raccomandazioni e soluzioni ai decisori politici.
 
Il Centro nasce grazie al sostegno di Erck Rickmers, chairman della Humanities and Social Change International Foundation, che per i primi tre anni di attività dell progetto ha donato a Ca’ Foscari 1.125.000  euro.
 
Il Rettore di Ca’ Foscari Michele Bugliesi: "Ca’ Foscari crede molto in questo progetto per il quale, grazie al sostegno della Fondazione, si dedicheranno venti tra docenti, ricercatori, posto e studenti di dottorato che affronteranno tematiche di grande attualità lavorando in team e collaborando con altri studiosi da tutto il mondo. Venezia diventa il centro di un’attività scientifica che indagherà i problemi sociali e i cambiamenti culturali del nostro tempo. Ringrazio vivamente Erck Rickmers per aver voluto sostenere il progetto con Ca’ Foscari e nela città di Venezia".
 
Erck Rickmers, Chairman della  Humanities and Social Change International Foundation: "Di fronte alle crescenti sfide sociali e politiche che abbiamo davanti in tutto il mondo, vorrei dare agli studi umanistici una maggiore influenza nel dibattito pubblico. Oggi l’influenza dell’economia sembra essere predominante, ma abbiamo bisogno di un approccio più olistico per risolvere i problemi globali contemporanei. Trascorrendo molto tempo a Venezia, sono felice di sostenere questa città capitale della cultura e la sua rinomata Università Ca’ Foscari". Il comitato scientifico del Centro è composto da: Shaul Bassi (Direttore), Sabrina Marchetti, Tiziana Lippiello e Massimo Warglien.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento