menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via l'ultimo diaframma sotto la ferrovia, Mestre e Marghera più vicine

"Contiamo che il sottopasso sia pronto - ha spiegato l'assessore Bergamo - entro giugno: se tutto andrà bene entro la fine del prossimo anno sarà attiva la tratta da Favaro a Marghera"

“E’ un giorno molto significativo per la città, perché con la caduta dell’ultimo diaframma del sottopasso si è in qualche modo sanata la frattura urbanistica da sempre esistente tra Mestre e Marghera, rappresentata dalla linea ferroviaria.” Era palese, questo pomeriggio, la soddisfazione dell’assessore comunale alla Mobilità, Ugo Bergamo, nel corso del sopralluogo ai lavori del sottopasso ferroviario del tram, culminati con un simbolico taglio del nastro, dopo la caduta dell’ultima barriera del manufatto, a cui hanno preso parte anche i presidenti delle Municipalità di Marghera, Flavio Dal Corso, e di Favaro, Ezio Ordigoni, ed il presidente di Pmv, Antonio Stifanelli.

Devo fare i complimenti – ha aggiunto Bergamo – a Pmv e all’impresa appaltatrice, che hanno compiuto lo scavo a tempo di record, e senza registrare nessun tipo di problema.” “Anche quelli di staticità lamentati dai residenti del condominio Splendid, che avevano portato nel recente passato allo stop del cantiere – ha confermato Stifanelli – non si sono infatti più ripresentati.” I lavori del sottopasso proseguiranno ora con il completo asporto del terreno scavato, quindi con la realizzazione del piano stradale, la posa delle rotaie nei due sensi di marcia e la copertura del manufatto, lungo complessivamente 300 metri, 160 dei quali sotterranei. All’altezza del binario ferroviario numero 1 sarà inoltre sistemata la fermata, collegata direttamente alla stazione con due ascensori e due rampe di scale.

“Contiamo che il sottopasso sia pronto – ha spiegato Bergamo – entro il mese di giugno, per poter subito dopo partire col pre-esercizio del tram: se tutto andrà come previsto entro la fine del prossimo anno sarà attivata l’intera tratta da Favaro a Marghera. Il 2013 sarà davvero un anno cruciale per il tram, perché contiamo anche di ultimare sia la stazione intermedia di piazzale Cialdini a Mestre che il percorso sino a Venezia.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento