menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Riccardo Colletti, Filctem Cgil Venezia

Riccardo Colletti, Filctem Cgil Venezia

Alberghi al posto della fornace, Cgil: "Comitato di affari a Murano, il vetro se ne va in frantumi"

"Ci aspettavamo dal Comune una scelta diversa - dice Colletti, Filctem Venezia - a cosa serve l'area di crisi se una realtà storica dell'isola come De Majo se ne va a produrre altrove?"

All'indomani dell'ufficialità del cambio uso della storica fornace De Majo a Murano ad albergo, Filctem Cgil prende posizione sulla strada intrapresa dal Comune di Venezia.

"Ci sembra che un vero e proprio comitato di affari si stia concentrando a Murano - dice Riccardo Colletti, segretario Filctem Cgil Venezia - altro che aiuti alle imprese dell'isola. Se approvando in così poco tempo una modifica di destinazione per una struttura produttiva del vetro si fa capire che è possibile uscire dalla crisi cambiando vocazione alle aziende è evidente che ci sono interessi diversi e che si vuole spostare la Murano imprenditoriale da un'altra parte. Gli stessi imprenditori vanno infatti a produrre in terraferma, mantenendo il marchio 'Murano'". 

Prosegue Colletti: "L'interesse a Murano si concentra più su attività del turismo che sulla produzione artigianale e la sua difesa. A cosa serve portare il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, e mostrargli il museo del vetro mentre una realtà storica dell’isola se ne va a produrre altrove? Altro che patrimonio dell’Unesco. Ci aspettavamo dal Comune un atteggiamento diametralmente opposto sui cambi d’uso a Murano. Dov'è appena stata riconosciuta l'area di crisi complessa, tra l'altro. Capiamo bene, in questo modo, che gli interessi sono molto diversi dalla salvaguardia e conservazione del vetro sull'isola e che c’è una convenienza differente. Perciò, evidentemente, tutto quello che è stato detto su Murano fino ad oggi, sono solo chiacchiere al vento".

E torna sulla crisi di alcune fornaci a Murano, Colletti, quelle che "hanno deciso di continuare a produrre nonostante le molte difficoltà: perchè non vengono sostenute dopo anni di appelli e richieste d'aiuto e le tante casse integrazioni per salvaguardare l'occupazione nei momenti più difficili, mentre in così poco tempo e così facilmente si dà il via libera alla costituzione di una struttura alberghiera che nulla ha a che fare con il vetro? A cosa serve la scuola Abate Zanetti per formare maestri vetrai in loco, se si fa tutt'altro che mantenere la storicità della produzione artigianale?"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Attualità

    Brugnaro: «Il 24-25 aprile pronti ad aprire tutti i musei»

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento