menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Filma per un anno i titolari che non fanno lo scontrino e poi li ricatta

"Datemi due milioni di euro o siete rovinati". Z.S., 37enne di nazionalità croata, è stato arrestato giovedì al Valecenter di Marcon per estorsione. Il ristorante è del centro storico

Ha filmato per un anno il proprio titolare mentre accettava i contanti dei clienti senza battere lo scontrino. Una, due, tre volte. Ne è venuto fuori un hard disk da un terabyte di mini clip "compromettenti", che avrebbero potuto mettere in grossa difficoltà il ristorante del centro storico a conduzione familiare per cui lavorava.

Il cameriere, Z.S., 37enne di nazionalità croata residente nell'hinterland mestrino, per le proprie operazioni di "spionaggio" utilizzava un orologio con una telecamerina incorporata. Roba da 007. Nessuno nell'arco degli ultimi dodici mesi, da quando cioè avrebbe architettato il piano, si era accorto di nulla. Fino ad arrivare a pochi giorni prima delle vacanze di Natale. Il dipendente, ormai ex, ha lasciato su un tavolo l'hard disk e ha detto a tutti che se ne sarebbe andato. Presenti alla scena almeno due dei tre titolari.

Poi il ricatto: "Datemi due milioni di euro altrimenti siete rovinati". Il tradimento, dopo quattro anni di servizio. La vicenda viene denunciata alla guardia di finanza e si trascina fino a giovedì, il giorno stabilito per il pagamento della prima tranche di denaro. Le parti si incontrano in un luogo affollato, al centro commerciale Valecenter di Marcon. Uno dei titolari si fa trovare con uno zainetto sulle spalle. Il suo ricattatore, invece, ha in mano alcuni documenti fotocopiati ritenuti "scottanti". Avviene lo scambio. Nemmeno il tempo di rendersi conto della trappola e i finanzieri sono già addosso a Z.S., arrestato in flagrante per estorsione aggravata.

Alle fiamme gialle che lo portavano via avrebbe spiegato che non era solo questione di soldi. Il piano era stato architettato anche per vendicarsi del modo in cui veniva trattato dai titolari. Il suo obiettivo, forse, l'ha raggiunto lo stesso: se i documenti sequestrati e i filmati verranno confermati per i ristoratori potrebbero esserci grosse grane. Per fare questo, però, si è rovinato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

  • Mestre

    "Il Mummia" torna a Mestre e finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento