menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cane investito e abbandonato, scatta gara sui social: esce allo scoperto la responsabile

È accaduto giovedì a Santa Maria di Sala. L'animale in un momento è fuggito dal cancello di casa ed è stato preso in pieno. Non denunciabile l'investitrice: "Non si tratta di reato penale"

Non si sarebbe accorta di averlo trascinato per due chilometri dopo averlo investito. Ma per il proprietario del cane, Andrea Cingano di Santa Maria di Sala, la vicenda rimane tutta da chiarire. Elodie è un bull terrier di un anno e mezzo che pesa 25 chili, come ha raccontato, affermando che è impossibile non vederlo, non essersi accorti di averlo trascinato per due chilometri, finendo, sempre a detta di Cingano, per liberarsi dell'animale morente nel parcheggio di un centro commerciale. La vicenda è stata riportata dai quotidiani locali.

Solidarietà

Sul luogo dell'incidente resta a terra il paraurti della macchina della responsabile, e poi scatta la caccia all'auto, oltre a una gara di soldarietà sui social. Un tam tam che avrebbe coinvolto tutti i territori circostanti, Santa Maria di Sala, Massanzago, Villanova, Vigonza e che ha portato l'investitrice a uscire allo scoperto. Una signora del posto, che avrebbe raccontato di non essersi fermata a soccorrere il cane convinta che fosse finito in fosso e di essere fuggita via per paura.

Il botto

Un rumore sordo, ma il propietario di Elodie si sarebbe accorto solo in un secondo momento dell'assenza dell'animale. Uscendo di casa la scoperta del pezzo di carrozzeria rimasto a terra, poi la pozza di sangue, con la scia che continuava. E' allora che avrebbe seguito quelle tracce sulla strada, fno ad arrivare al parcheggio del centro Tom, e qui la scoperta del corpo di Elodie, abbandonata in stato di agonia. Inutile la corsa dal veterinario, il cane è morto, dopo aver sofferto.

La denuncia

Vana anche la denuncia ai carabinieri. Non trattandosi di reato penale, per i proprietari dell'animale non resterebbe che appellarsi a un legale. Strada che non intendono lasciare intentata. In primis per l'affetto che li legava quel cane, arrivato quando era ancora molto piccolo, e al quale lui e la sua compagna si erano molto affezionati. E in secondo luogo perché trattandosi di un cane assicurato, come affermato da Cingano, se la conduttrice del mezzo si fosse fermata si sarebbe potuto mettere chiarire tutto, ed Elodie forse si sarebbe salvata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento