rotate-mobile
Cronaca

Cortina sceglie Venezia per candidarsi a diventare regina del Circo bianco

Stamattina l'annuncio nella città lagunare della volontà del paese ampezzano di ospitare i Mondiali di sci del 2017. Testimonial Alberto Tomba: "Il nemico principale? Sarà Saint Moritz"

Cortina d'Ampezzo ha scelto Venezia per lanciare la sua candidatura a ospitare i campionati del mondo di sci alpino del 2017. Appena qualche giorno dopo il "niet" del governo Monti a fornire il proprio appoggio a Roma 2020 è la "Perla delle Dolomiti" a cercare lustro nelle grandi kermesse sportive. Per la candidatura un testimonial d'eccezione del circo bianco: Alberto Tomba. E' stato lui a catalizzare l'attenzione della stampa durante la presentazione odierna dell'iniziativa. Presente in forze anche la politica. Con in testa il sindaco di Cortina Andrea Franceschi, il presidente del Veneto Luca Zaia e l'assessore al Turismo del Friuli-Venezia Giulia Federica Seganti. Sono intervenuti anche Gianni Zonin, presidente dell'executive board in collegamento da New York, il segretario generale del Coni Raffaele Pagnozzi e l'ex campionessa Emanuela Di Centa per la Fisi.

La candidatura, che coinvolge attorno all'elemento comune delle Dolomiti anche il Friuli e il Trentino, conterà interamente su capitali privati. Presidente dell'executive board (di cui hanno accettato di far parte anche imprenditori e manager come Abete, Cipolletta, Ennio Doris, Zoppas, Mastropasqua e Monorchio) sarà Gianni Zonin, presidente della Banca Popolare di Vicenza. "Riuniremo il board quanto prima - ha spiegato in collegamento video da New York - per capire cosa servirà per sollecitare chi deve decidere a capire che Cortina può essere la scelta ideale".

Secondo Alberto Tomba, testimonial di Cortina 2017, tra le antagoniste Cortina dovrà guardarsi soprattutto dalla svizzera Saint Moritz. La scelta della località che ospiterà il Mondiale di sci alpino 2017 sarà presa a maggio in Corea del sud. Collegato con Venezia, via telefono, anche il segretario generale del Coni, Raffaele Pagnozzi, che ha rinnovato il sostegno alla candidatura ampezzana. "Cortina - ha detto - è la nostra prima città olimpica: Regione e Comune saranno i primi a portare la bandiera, ma ci saremo anche noi, con tutte le capacità diplomatiche che abbiamo a livello internazionale".


Per Zaia si tratta di una "grande opportunità per il sistema Veneto, anche dal punto di vista dell'aggregazione, in particolare rispetto ai 23mila praticanti degli sport invernali, visto che ci offre l'opportunità di sublimare la grande partita delle Dolomiti. Abbiamo già diversi progetti approvati - ha evidenziato - e si faranno molte opere: dalla nuova pista di bob, ai nuovi parcheggi, alla tangenziale, al nuovo eliporto. Interventi per un centinaio di milioni di euro che, lo ripeto, non costeranno nulla alla comunità. Penso quindi che abbiamo tutte le caratteristiche adatte per poter ospitare un mondiale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cortina sceglie Venezia per candidarsi a diventare regina del Circo bianco

VeneziaToday è in caricamento