rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca Cannaregio

Si chiude in bagno e inizia a sbattere violentemente la testa contro il muro

Una 21enne di origine ucraina ieri sera in un locale di Cannaregio non voleva sapere di uscire dai servizi pubblici al punto da picchiare i poliziotti intervenuti poco prima della mezzanotte

Ancora non si sa il motivo per cui ieri sera, poco prima della mezzanotte, una 21enne di origine ucraina si è chiusa nel bagno di un locale pubblico di Cannaregio senza alcuna intenzione di uscirne. Alla vista dei poliziotti, chiamati dal gestore, la giovane ha iniziato a tirare calci e pugni in direzione degli agenti, chiudendosi nuovamente in bagno.


La furia l'ha portata ad aggrapparsi alle canalette dell'impianto elettrico, sradicandole, e a sbattere violentemente la testa contro il muro. Volontariamente. Con l'intenzione di farsi seriamente del male. La 21enne si è poi sdraiata a terra attaccandosi ai sanitari per non essere portata via. La ragazza è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale e per aver fornito false indicazioni sulla propria identità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si chiude in bagno e inizia a sbattere violentemente la testa contro il muro

VeneziaToday è in caricamento