rotate-mobile
Cronaca San Marco / Campo San Fantin, 1965

Al concerto de La Fenice tutti in piedi per cantare l'Inno d'Italia

L'orchestra, diretta dal giovane direttore Diego Matheuz, ha aperto l'esibizione con la Sinfonia n.5 di Cajkovskij, per poi concludere con il Nabucco e la Traviata

Rami di vischio, di pino, bacche rosse e cotone a incorniciare il palcoscenico e i lampadari in cristallo del teatro La Fenice per la rinnovata coreografia del concerto di Capodanno, videotrasmesso da Raiuno e dalle tv di tutto il mondo.

In un teatro completamente gremito, lo spettacolo è stato preceduto dall'esecuzione dell'Inno d'Italia, con tutto il pubblico in piedi a cantarlo. Poi il via al programma musicale del concerto, aperto dalla Sinfonia n.5 di Cajkovskij proposta dall'orchestra diretta dal maestro Diego Matheuz.

Capodanno a La Fenice trasmesso in tutto il mondo

Il programma ha previsto: la Sinfonia da Un giorno di regno di Giuseppe Verdi e il coro degli zingari "Vedi! Le fosche notturne spoglie" dal secondo atto del Trovatore; e poi il tenore Walter Fraccaro canterà l'aria di Cavaradossi "E lucevan le stelle" dal terzo atto di Tosca di Giacomo Puccini, e a seguire il soprano Jessica Pratt l'aria di Amina "Ah! non credea mirarti" dall'ultima scena della Sonnambula di Vincenzo Bellini. Un secondo brano sinfonico, il Valzer del commiato di Nino Rota dai ballabili per il film Il gattopardo di Luchino Visconti, precederà l'aria di Leporello "Madamina, il catalogo è questo" da Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart, interpretata dal basso Alex Esposito. Walter Fraccaro si unirà quindi al coro per il brindisi di Turiddu "Viva il vino spumeggiante" da Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni, seguito dall'aria di Linda "O luce di quest'anima" dal primo atto di Linda di Chamounix di Gaetano Donizetti, cantata da Jessica Pratt. Un altro brano orchestrale, la stretta finale (can-can) della Danza delle ore dalla Gioconda di Amilcare Ponchielli, darà l'avvio al gran finale del concerto, costituito, come è tradizione dei concerti di Capodanno della Fenice, dal coro "Va' pensiero" dal Nabucco e dal brindisi "Libiam ne' lieti calici" dalla Traviata di Giuseppe Verdi.

 

Foto di Michele Crosera

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al concerto de La Fenice tutti in piedi per cantare l'Inno d'Italia

VeneziaToday è in caricamento