menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo i successi raggiunti a Dolo, il capitano Gabriele Favero si trasferisce a Padova

Da lunedì è il nuovo comandante della sezione di Polizia militare presso il Comando operativo Nord dell'Esercito. Lascia un ottimo ricordo tra i cittadini in Riviera del Brenta

Pochi chilometri più in là per una nuova avventura professionale. Il capitano Gabriele Favero, che per 4 anni ha comandato la tenenza dei carabinieri di Dolo, da lunedì ha preso servizio a Padova come comandante della sezione di Polizia militare presso il Comando operativo Nord dell'Esercito. Un ruolo ambito e di responsabilità, che gli garantirà soddisfazioni, così come, da tenente prima e da capitano poi, è stato in Riviera del Brenta. 

LUNGO ELENCO DI SUCCESSI

Lungo l'elenco di successi investigativi, come l'arresto di una banda di baby trasfertisti rapinatori che aveva colpito in una tabaccheria in centro a Dolo o l'inchiesta che ha permesso di sgominare una banda legata alla 'Ndrangheta dedita a grossi furti in tutto il Nord Italia con base al Sud, a Cerignola.

DOTI UMANE

Oltre che arresti e denunce, però, conta anche il rapporto che il capitano, ora 34enne, è riuscito a instaurare con la cittadinanza, facendo valere le proprie doti umane. Prima dell'esperienza in Riviera del Brenta aveva fatto parte dell'11esimo Battaglione "Puglia" di Bari, dove è stato comandante di plotone, e aveva lavorato al Comando provinciale dei carabinieri di Roma. Nel 2015 Favero fu protagonista di un preoccupante episodio: venne inserito, assieme ad altri nomi, in una "kill list" pubblicata da siti vicini all'Isis. Propaganda certo di pessimo gusto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Albergatori tiepidi sul green pass per le vacanze

  • Cronaca

    Bingo, sale da gioco e Casinò: «Situazione drammatica»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento