Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Traffico di eroina, il maggiore Bisogno: "Problema sociale, il contrasto non basta"

Una banda smantellata, ma il problema resta. Perché così come l'offerta, la domanda di eroina sulla terraferma veneziana resta alta. A farne uso sono soprattutto giovani, perlopiù italiani. E i morti per overdose sono tantissimi, 14 negli ultimi 12 mesi. Le indagini dei carabinieri della compagnia di Mestre hanno appurato l'esistenza di un giro di spaccio attivo nelle aree industriali dismesse di Marghera. L'operazione è partita da un controllo e ha portato ai fornitori, cinque tunisini senza fissa dimora. "I consumatori sono tanti e giovani - conferma il comandante della compagnia, Maggiore Antonio Bisogno - Il messaggio che vogliamo lanciare ai ragazzi è di non farsi coinvolgere da chi promette un rifugio per le difficoltà personali. Questo è un problema sociale, l'attività di contrasto non è la panacea in grado di sconfiggere il traffico"

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento