menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La barca rubata è in vendita sul web: gli agenti si fingono acquirenti, un denunciato

L'appuntamento "fatale" per l'inserzionista venerdì pomeriggio a Pellestrina. La pilotina era sparita a giugno 2016 da Sacca Fisola. I proprietari l'hanno riconosciuta su Internet

Un anno fa qualcuno ci era salito a bordo nella notte e si era allontanato lasciando una famiglia di Sacca Fisola senza la sua imbarcazione, ormeggiata a due passi dalla caserma dei carabinieri. Dopo circa 13 mesi il cerchio si è chiuso, anche se continuano le indagini delle forze dell'ordine. Chi in seguito è finito in possesso del natante, infatti, ha cercato di rivenderlo attraverso un noto portale di annunci web. Per sua sfortuna l'inserzione è finita sotto gli occhi dei proprietari legittimi dell'imbarcazione, che hanno subito riconosciuto quel cabinato da 7 metri che rivestiva un grande valore affettivo per loro, più che economico. Era una barca comprata con i pochi soldi di pensione d'invalidità dalla moglie al marito, dopo una vita di sacrifici.

Aveva bisogno di alcuni interventi di manutenzione, che pare che in questi mesi non siano stati granché eseguiti. Insomma, la barca era lì. Identica a quella trafugata un anno prima. A quel punto della vicenda, dopo un primo "sopralluogo" del proprietario del natante, sono stati interessati i carabinieri, che avevano già raccolto la denuncia di furto a giugno 2016. E' stato un maresciallo dei militari dell'Arma ad architettare la trappola: forze dell'ordine e legittimi proprietari hanno contattato di nuovo l'inserzionista e si sono dati appuntamento venerdì pomeriggio. Il luogo indicato era a Pellestrina.

Lì, una volta che è stato chiaro che quella era una compravendita basata su un raggiro, le forze dell'ordine si sono palesate. Nei guai è finito un 37enne del posto, portato in caserma e, al termine degli accertamenti, denunciato per ricettazione. Gli accertamenti continuano, anche perché lo stesso utente aveva pubblicato alcune decine di annunci di barche in vendita. I proprietari (che ora si ritrovano il natante sotto sequestro): "Vuoi vedere che ci sono altre imbarcazioni rubate? Nella zona della Giudecca ne sono sparite molte". Tanto più che la pilotina quando è stata rubata era priva di motore, dunque con ogni probabilità a entrare in azione è stato più di un delinquente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento